Elezioni, nelle Marche torna a candidarsi il Partito Repubblicano: alleanza con ALA

Dopo più di 20 anni, il simbolo storico della tradizione repubblicana torna nella scheda elettorale per dar voce ai tanti repubblicani e democratici delle Marche

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Il Partito Repubblicano Italiano, insieme al gruppo parlamentare ALA, hanno dato vita ad una lista unitaria dove il simbolo dell’edera, ben visibile, concorrerà alla prossima tornata elettorale in tutti i collegi plurinominali ed uninominali, compresi quelli della Regione Marche. Il partito repubblicano italiano, sotto la supervisione del membro della Direzione Nazionale in rappresentanza delle Marche, Luca Faini Bartolini, sta completando in queste ore le liste che vedranno di nuovo i repubblicani presenti e protagonisti delle prossime elezioni del 4 marzo. Dopo più di 20 anni, il simbolo storico della tradizione repubblicana torna nella scheda elettorale per dar voce ai tanti repubblicani e democratici delle Marche, tagliati fuori dal sistema maggioritario che ha visto il centro destra e il centro sinistra fagocitare negli anni alcuni personaggi di spicco, cooptandoli nelle liste di uno o dell’altro schieramento.

Finalmente, la nuova legge elettorale, mossa da un sistema proporzionale più che maggioritario, darà voce in capitolo anche ad una tradizione storico politica, come quella del PRI. Forti di un alleanza con il gruppo parlamentare di ALA , esentati dalla raccolta firme, siamo pronti a scendere in campo. Le elezioni per molti, impegnati a garantirsi una “poltrona” ,sono solo un punto di arrivo, per noi, sono un punto di Partenza. Il segretario nazionale del PRI, Corrado De Rinaldis Saponaro, tramite il congresso e successivamente il consiglio nazionale svoltosi a Roma lo scorso dicembre, ha trovato il modo per ridare visibilità nonché credibilità al partito. Ripresentare il simbolo dell’edera fuori dai poli ci da l’opportunità di coalizzare tutti i repubblicani che fino ad oggi si erano dispersi entro progetti nazionali illusori di destra e sinistra. I repubblicani ,per la prima volta dopo più di 20 anni, non saranno più obbligati a turarsi il naso e a portare acqua al mulino di altri, bensì a votare finalmente per l’edera: tutti uniti di nuovo per il simbolo più storico dell’Italia pre e post repubblicana! !123 anni di storia dalla sua fondazione, 48 congressi e una tradizione che annovera figure come Ugo la Malfa e Giovanni Spadolini. La Lista sarà composta da insegnanti, professionisti, soprattutto giovani che non hanno mai corso allo scranno più alto della politica nazionale: persone che si autofinanziano ,per dare dignità ad una forza politica che ha ancora molto da dire e che non può essere relegata a qualche pagina di storia dedicata alla Prima Repubblica. Sicuri dei tanti repubblicani presenti nelle Marche, ricorre oggi un giorno di festa per una tradizione che merita ancora di avere pari dignità politica: un simbolo che dura da 123 con i suoi valori,la sua storia ed il suo glorosio nome.

Luca Faini Bartolini Direzione Nazionale PRI in rappresentanza della regione Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento