rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Politica

Elezioni Falà-Cerioni (Pd), Mangialardi: «Con quest'accordo vince la politica»

Il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi sull’esito del congresso provinciale del Partito Democratico di Ancona

«Sono estremamente soddisfatto dell’accordo raggiunto tra Jacopo Falà e Luigi Cerioni che ha permesso alla Federazione di Ancona di trovare un’unità feconda per rilanciare il partito nella nostra provincia e affrontare le sfide impegnative che lo attendono sia sul piano istituzionale, a partire dalle prossime elezioni comunali, sia sul piano dell’azione sociale, come dimostra, solo per fare un esempio, la drammatica vertenza in corso alla Caterpillar di Jesi. Un accordo da me auspicato fin dall’inizio per coniugare l’entusiasmo e l'intelligenza politica di un giovane come Jacopo, figura riconosciuta e apprezzata sia nel partito che nella società, con la preziosa esperienza politico-amministrativa di Luigi, che da sindaco di Cupramontana e da presidente della Provincia di Ancona ha saputo creare dei veri e propri modelli di buon governo. L’approvazione a larghissima maggioranza del nuovo assetto dirigenziale è inoltre la dimostrazione di un partito vivo, deciso ad anteporre la Politica, quella con la P maiuscola, quella che dà senso alla militanza di centinaia di iscritti, a ogni sorta di personalismo». Così il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi sull’esito del congresso provinciale del Partito Democratico di Ancona che ha visto l’elezione di Jacopo Falà a nuovo segretario della Federazione e quella di Luigi Cerioni a segretario aggiunto.

Mangialardi ha poi voluto ringraziare i segretari uscenti di tutte le cinque federazioni marchigiane e formulare gli auguri ai nuovi eletti: Rosetta Fulvi a Pesaro, Angelo Sciapichetti a Macerata, Luca Piermartiri a Fermo e Francesco Ameli ad Ascoli Piceno: «Anzitutto voglio ringraziare pubblicamente i segretari provinciali uscenti che nella campagna elettorale per la presidenza della Regione Marche non mi hanno fatto mai mancare il loro sostegno con grande tenacia e lealtà, gettando sempre il cuore oltre l’ostacolo nonostante una sfida complicatissima e forse segnata già in partenza. Ai nuovi vanno i miei auguri e il mio plauso per aver dato vita a un confronto vero sulle idee, sui bisogni dei rispettivi territori, sulle modalità di rilancio del partito. Un ottimo viatico anche per il prossimo congresso regionale, che spero saprà trovare la necessaria unità per valorizzare ciò che ci unisce, la comunità dei circoli e la passione dei militanti, che sono gli elementi fondamentali per iniziare a costruire insieme alle altre forze del centrosinistra l’alternativa al governo regionale della destra». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Falà-Cerioni (Pd), Mangialardi: «Con quest'accordo vince la politica»

AnconaToday è in caricamento