Elezioni comunali, sicurezza: il candidato accusa il sindaco uscente

Alessandro Selva (Siamo Numana) contro Tombolini: «Lascia i cittadini senza risposte e soluzioni, Siamo Numana propone un modello di sicurezza partecipata e solidale»

Una pattuglia in giro per Numana: la sicurezza "scalda" la campagna elettorale

«Da metà febbraio a Numana, in particolare nelle zone periferiche, è in corso una vera e propria ondata di furti in casa. Diversi numanesi si sono ritrovati faccia a faccia con i ladri e il tam tam mediatico e social ha riacceso il dibattito sulla sicurezza”. A parlare è Alessandro Selva, candidato sindaco di Siamo Numana che accusa il sindaco Tombolini di aver lasciato i cittadini senza risposte e soluzioni. «Nonostante la forte preoccupazione della cittadinanza – aggiunge - il sindaco Tombolini e la sua giunta come al solito, hanno preferito non agire. Non hanno rassicurato i cittadini, né espresso pubblicamente solidarietà alle vittime dei furti. Ancora una volta, non hanno proposto una soluzione concreta all'ennesimo problema che affligge la nostra comunità. Malgrado il silenzio assordante dell'Amministrazione, un gruppo di cittadini armati di smartphone ha deciso di propria iniziativa di contrastare i furti nelle case, sostando in auto nelle zone più a rischio per segnalare situazioni sospette alle forze dell’ordine».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ronde numanesi come soluzione. No per Selva. «Anche se mossi da ottime intenzioni - spiega - questi gruppi autogestititi non sono la soluzione  per il semplice motivo che, terminato il controllo che dura qualche ora, le vie e le frazioni tornano di nuovo vuote e vulnerabili. Vivere le nostre case con tranquillità e senza paura è un diritto riconosciuto universalmente la cui tutela spetta allo Stato e alle forze dell'ordine. È inaccettabile che dei semplici cittadini siano costretti a impiegare il loro tempo libero per garantire la sicurezza del territorio, senza contare che queste iniziative potrebbero essere occasione di rischio per chi le organizza. Per contribuire al miglioramento del livello generale di sicurezza del paese, Siamo Numana ha numerose proposte che vanno dal potenziamento dell'illuminazione pubblica e della videosorveglianza all'istituzione di un servizio di vigilanza privata che coinvolga i soggetti privati interessati e finanziato in parte dal Comune. Inoltre, intendiamo creare una sorta di Comitato sicurezza, da riunire almeno 2 o 3 volte l’anno, in cui coinvolgere l'Amministrazione, le forze dell’ordine e aperto ai cittadini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento