rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Politica

Dall'Area Marina alla qualità dell'aria: i Verdi spiegano il perché dell'addio alla coalizione di centrosinistra

«Un  tema  su  tutti  è  stato  quello  della  AMP,  non  si  è  voluto  scegliere  di  programmare  un  percorso che potesse portare ad una maggiore  tutela della costa del Conero, non pensare ad  un impegno per l’istituzione della AMP»

ANCONA - «Da trent’anni e attualmente con sempre più forza i Verdi affermano il bisogno  di costruire un  rapporto  armonico  e  più  intimo  tra  uomo  e  natura.  I  recenti  tragici  eventi  climatici  e  le  manifestazioni  soprattutto  di  giovani  che  chiedono  di  non  attendere  oltre  nelle  azioni  a  salvaguardia dell’ambiente sono una sollecitazione per trovare nuovi equilibri che migliorino  la vita dei nostri concittadini, per un futuro migliore. Ed è qui che Ancona, deve fare la propria  parte,  partendo  dal  basso,  dai  piccoli  comportamenti  fino  alle  politiche  di  governo  del  territorio». Lo scrivono i Verdi in una nota con cui presentano il proprio programma politico e spiegano la rottura con il centrosinistra in ottica elezioni comunali. . 
«In questo quadro l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per la protezione del territorio  e del mare e il Green Deal europeo sono bussola per costruire una società   sostenibile nelle  componenti  ambientali,  sociali  ed  economiche  e  che  faccia  dell’ascolto  e  della  condivisione  delle necessità la propria caratteristica. L’obiettivo della transizione ecologica è faticoso, ma a  portata di mano.  Europa Verde in Europa ci dice che gli obiettivi di un partito ecologista devono essere il perno  delle amministrazioni locali per: 

1) Combattere  i  cambiamenti  climatici,  eliminando  per  gradi  l’energia  fossile,  e  promuovendo l’efficienza energetica per arrivare al 100% di fonti rinnovabili. Tutelare  i parchi e la biodiversità 
2) Investire nell’economia verde, nella ricerca e nell’innovazione. 
3) Garantire un reddito minimo dignitoso 
4) Sostenere la giustizia, i diritti fondamentali, la trasparenza e combattere la corruzione 5) Difendere il diritto di asilo e istituire canali legali e sicuri per l’emigrazione 6) Rendere il treno la vera alternativa all’aereo in Europa 
7) Proteggere la salute dei cittadini, l’aria, l’acqua ed eliminare i rifiuti di plastica 8) Promuovere cibo locale senza pesticidi e OGM 
9) Garantire libero accesso all’istruzione, stage retribuiti e posti di lavoro dignitosi per i  giovani 
10)Combattere per la giustizia fiscale anche per le nuove professioni. 
11)Sostenere la parità di genere, combattere la violenza sulle donne 
12)Promuovere pace e sviluppo sostenibile 

«Abbiamo  condiviso  e  stiamo  condividendo   fino  alla fine  di  questa legislatura- spiegano i Verdi-  abbiamo però per il futuro e per le imminente elezioni amministrative  scelto di  staccarci  dal  centro  sinistra  così  come  strutturato  nel  2018,  poiché  non  abbiamo  trovato  ascolto su quanto appena elencato. Un  tema  su  tutti  è  stato  quello  della  AMP,  non  si  è  voluto  scegliere  di  programmare  un  percorso che potesse portare ad una maggiore  tutela della costa del Conero, non pensare ad  un impegno per l’istituzione della AMP, ma semplicemente   prenderci del  tempo e ragionare  per arrivare a farlo.  Quale è l’idea del centro sinistra rispetto alla  transizione ecologica? Manca l’impostazione, ovvero il capire che ci si deve impegnare in ogni  azione  per  mettere  insieme  sostenibilità  e  futuro,  vanno  programmati  gli  interventi  prevedendo sempre un rispetto dell’ambiente, della salute, del territorio e degli esseri viventi  che lo abitano attraverso l’inclusione la sobrietà ed il senso del limite. Stiamo lavorando con altre forze politiche, attualmente non di governo per creare uno spazio  di ascolto politico per  tutti gli elettori di questa città, che vorrebbero cambiare per crescere,  che vorrebbero dare più spazio ai giovani ricordando che i giovani hanno bisogno di gioia e di  vita, quindi di futuro.  Il  nostro  progetto  potrebbe  nascere  solo  se  tutte  le  forze  che  lo  compongono  riusciranno  a  capire che il valore aggiunto di questa possibile coalizione sarà dato da chi lo rappresenterà  condividendo i nostri programmi e  dando a tali programmi  le gambe per camminare. Ci vuole  testa e cuore in questi casi, quindi concretezza ed esperienza. Pensiamo di poter  fare qualcosa di buono partendo da questi presupposti, sia in questa  fase  elettorale ormai vicinissima , ma comunque per il  futuro. Abbiamo avuto modo di avvicinare  altre  persone  int  questo  periodo  ed  abbiamo  coinvolto  giovani  e  nuove  esperienze.  Al  di  là  delle imminenti elezioni comunali, vogliamo e ci auguriamo di riuscire comunque ad iniziare  un  nuovo  per  corso  per  i  Verdi  ad  Ancona.  facendo  tesoro  delle  esperienze  passate  e  non  ripetendo errori già commessi». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'Area Marina alla qualità dell'aria: i Verdi spiegano il perché dell'addio alla coalizione di centrosinistra

AnconaToday è in caricamento