Elezioni comunali ad Osimo, Migliozzi candidato con le liste di progetto Osimo

Consigliere comunale di maggioranza, ha deciso di non sostenere il sindaco uscente Pugnaloni alle prossime elezioni amministrative e di appoggiare invece la candidatura a sindaco di Achille Ginnetti

Lanfranco Migliozzi

Lanfranco Migliozzi candidato con le liste di Progetto Osimo. Consigliere comunale di maggioranza, ha deciso di non sostenere il sindaco uscente Pugnaloni alle prossime elezioni amministrative e di appoggiare invece la candidatura a sindaco di Achille Ginnetti. Sessant’anni, Migliozzi si occupa di sistemi informatici. È entrato in Consiglio comunale nel 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Non mi sono dimesso dal ruolo di consigliere comunale e sono rimasto nella maggioranza per un atto di responsabilità, il Comune poteva essere commissariato. In questi 5 anni mi sono messo a disposizione di Osimo e degli osimani. L’esperienza di amministratore PARK.O e di consigliere comunale, mi ha permesso di capire limiti e potenzialità delle società partecipate e della macchina comunale, per troppi anni abbandonate a vecchi usi e costumi- dichiara-. Ho scelto di ricandidarmi a consigliere comunale nella lista a sostegno di Progetto Osimo, voglio continuare a contribuire, con fatti concreti e a rispondere alle esigenze dei cittadini. Le scelte di un’amministrazione devono partire dal basso e non essere imposte dall’alto. Mi riferisco ad esempio alle decisioni della Regione per la sanità osimana. Nella politica dal basso ho trovato il punto di contatto principale con Progetto Osimo, di cui ho molto apprezzato la campagna di ascolto “Parlaci dei tuoi sogni”». Tra gli obiettivi che Migliozzi intende perseguire: ascolto, analisi delle problematiche; ricerca e messa di opera di soluzioni per la valorizzazione dei dipendenti comunali e delle partecipate; maggiori servizi e minori costi ai cittadini; rilancio del centro storico come elemento aggregante della cittadinanza; creazione di strutture permanenti dedicate alla cultura come una biblioteca multimediale dove si possa leggere, studiare, navigare in Internet, ascoltare musica, vedere film, incontrarsi ad eventi per adulti, bambini e famiglie; attenzione al sociale e una diversa visione su efficientamento energetico e rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento