“I soldi delle multe alla manutenzione stradale e stop autovelox"

A margine dell’inaugurazione delle sede elettorale del candidato sindaco Stefano Tombolini è stato siglato il “Patto di correttezza per il rispetto anche delle norme del Codice della Strada”

Il centrodestra all'inaugurazione

A margine dell’inaugurazione delle sede elettorale del candidato sindaco Stefano Tombolini è stato siglato il “Patto di correttezza per il rispetto anche dell’Amministrazione comunale delle norme del Codice della Strada”. L'idea è destinare i soldi delle multe alla sicurezza e alla manutenzione stradale e evitando di usare autovelox e altri strumenti come un modo per far cassa e non sicurezza stradale. Lo ha ovviamente sottoscritto lo stesso Tombolini alla presenza dell’onorevole Simone Baldelli di Forza Italia. Non a caso,nel 2016, la Camera ha approvato all'unanimità una mozione presentata da Forza Italia (Baldelli primo firmatario) , e sostenuta da tutte le forze politiche, che appunto impegnava il Governo ad intervenire per superare il problema.

"I dati d incremento delle multe nel 2017 - ha sottolineato in proposito l’onorevole Baldelli - dovrebbero essere un campanello d'allarme per tutti. La crescita degli incassi è frutto anche delle norme sbagliate, introdotte lo scorso anno, col parere favorevole del Governo e col voto contrario di Forza Italia, che permettono per due anni a città metropolitane e province di non rispettare il Codice della strada sulla destinazione dei proventi. Ecco perché continuerò in Parlamento questa battaglia perché i diritti dei cittadini vengano salvaguardati ed i proventi delle multe usati correttamente per garantire interventi specifici in tema appunto di vera sicurezza stradale”.

Da parte loro, Berardinelli e Scali e Morini di Forza Italia, presenti all’incontro hanno tenuto a ricordare che proprio nei giorni scorsi l’amministrazione Mancinelli ha annunciato l’acquisto di un nuovo autovelox. "Questa scelta viene fatta soltanto per incassare più soldi dagli automobilisti e non per garantire loro una maggiore sicurezza. Basti pensare ai ritardi nel posizionamento delle protezioni per impedire l’attraversamento dei varchi sull’asse nord-sud, Eppure i cittadini di Ancona, da sempre sono tra gli automobilisti italiani più rispettosi del Codice della strada come dimostra negli anni il numero estremamente contenuto delle contravvenzioni per violazioni significative. “Nonostante questo,- ha ricordato Berardinelli - continuiamo ad essere tartassati dalle multe per divieto di sosta. Prova provata, gli oltre l 4 milioni di euro incassati dal Comune nel 2017 per le multe: conti alla mano, 42 euro a testa compresi neonati, con un incremento di oltre il 16% rispetto all’anno precedente. Un vero e proprio salasso per bilanci famigliari già provati dalla crisi. .E la città purtroppo continua a soffrire per una strutturale carenza di punti sosta come continua a soffrire per la mancanza di un serio piano del traffico che privilegi la sosta produttiva”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento