L'attacco di Tombolini alla Mancinelli: «Carriera vissuta all'ombra di potenti e potentati»

Dopo il duro faccia a faccia durante il dibattito trasmetto da E'Tv, nuova stilettata di Stefano Tombolini alla candidata sindaco e primo cittadino uscente

Valeria Mancinelli e Stefano Tombolini

«Quella della sindaca renziana uscente è una storia esemplare. Da vetero comunista a vetero renziana. Quaranta anni di carriera politica vissuta all’ombra dei potenti e dei potentati. Coccolata e vezzeggiata da un pd ingordo ed egemone che ha occupato la città in tutti i suoi gangli vitali. No Pd? No lavoro! No sussidi! No casa! No  su tutta la linea di un sociale affidato quasi esclusivamente a certe cooperative che a volte sfruttano i loro dipendenti e che quindi spesso perdono di vista i bisogni veri della comunità». Dopo il duro faccia a faccia durante il dibattito trasmetto da E'Tv, oggi nuova stilettata di Stefano Tombolini alla candidata sindaco e primo cittadino uscente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ma anche la storia della oramai ex giunta fotografa assai bene questa situazione. Dall’ex bancario vice sindaco Sediari sempre con oltre quaranta anni di carriera politica all’ex dirigente della provincia Manarini, all’ex dipendente dei servizi sociali del comune Borini. O al …laititante e spesso non pervenuto Fiorillo alle finanze Fino all’ex factotum, neo pensionato, Foresi che cinque anni fa alle primarie Pd ha barattato le sue legittime aspirazioni da sindaco con l’indennità da assessore sempre factotum. Ma la corte dei miracoli e dei miracolati del Pd contrassegnata da tanti ex  potrebbe allungarsi all’infinito se solo prendessimo in esame lo spoil system in Comune e nelle aziende partecipate .Come non mettere infatti sul conto del Pd e dei suoi fedeli vassalli quegli amministratori e quei dirigenti delle partecipate che hanno scientemente concorso a svendere i nostri gioielli di famiglia. Patrizio Ciotti, Gitto, Copparo, Gnocchini, Papaveri e via dicendo. Tutti a casa al più presto per riflettere seriamente sui danni prodotti alla nostra Ancona Questa della zarina e del pd renziano  è oramai una classe dirigente logora e logorata. E’ un sistema di potere che sta crollando e che la città di certo non rimpiangerà.  Ci vuole un vero ricambio non solo e non tanto generazionale quanto di  mentalità. Quello che  la mia coalizione à in grado di garantire mixando esperienza ed entusiasmo. Preparazione professionale e competenze. Uomini e donne delle professioni pronti a lavorare per la nostra Ancona. Giovani e meno giovani pronti a spendersi per la loro, la nostra città. La mia sarà una squadra vera, coesa come è la mia coalizione. Una squadra di qualità e di solido spessore culturale che manderà il Pd in panchina a farsi un bel bagno di umiltà e di sana autocritica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento