menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Tullio Patassini, Francesco Acquaroli, Stefano Tombolini e Andrea Cangini

Da sinistra Tullio Patassini, Francesco Acquaroli, Stefano Tombolini e Andrea Cangini

I privati vogliono il Tambroni, Tombolini incontra Genga: «No a mercificazioni»

Alla tavola rotonda hanno partecipato anche i senatori Acquaroli, Cangini e Patassini e si è parlato anche di Inrca: «Ok all’Aspio, ma rimanga eccellenza di ricerca»

Le porte del Pensionato Tambroni, la grande incompiuta di Posatora destinata in origine a diventare una struttura per anziani non autosufficienti, potrebbero aprirsi grazie a nuovi investitori privati. Quando e con quale veste ancora non è dato sapere, qualcosa comunque si sta muovendo intorno all’edificio inaugurato nel 2005, dichiarato subito inagibile per vizi di costruzione e poi finito al centro di varie vicende giudiziarie. L’esistenza di un possibile futuro per la struttura gestita dall’Inrca è emersa durante l’incontro tra il candidato sindaco della coalizione di centrodestra, Stefano Tombolini e Gianni Genga, direttore generale dell’Inrca. Alla tavola rotonda, convocata per fare il punto anche sul destino delle strutture della Montagnola in vista del trasferimento del geriatrico all’Aspio, hanno partecipato anche i senatori Andrea Cangini (Forza Italia), Tullio Patassini (Lega) e Francesco Acquaroli (FdI).

«La Sanità non sia merce di scambio»

La questione Tambroni è emersa durante l'incontro a porte chiuse che ha preceduto la conferenza stampa nella sede dell'Inrca in via Santa Margherita. «Da una specifica domanda fatta dall’onorevole Patassini il direttore si è riservato di sottolineare soltanto che sono arrivate proposte di valorizzazione da operatori economici privati» ha spiegato Tombolini a margine dell’incontro. Il candidato sindaco ha però voluto mettere in chiaro che: «Su questo noi vogliamo discutere, perché non riteniamo che la sanità possa essere merce di scambio, che contenitori pagati dalla collettività (il Tambroni costò circa 8 milioni) possano essere svenduti e che le convenzioni sanitarie possano essere mercificate attorno a sistemi di potere. Vogliamo entrare nel merito di queste scelte, perché questa città continui ad elevare il profilo del sistema sanitario nazionale e regionale e non a entrare nelle mani di organizzazioni e società private».

Inrca all'Aspio, che ne sarà della Montagonola? 

Durante l’incontro il centrodestra ha anche affrontato il tema del trasferimento dell’Inrca ad Ancona sud, chiedendo che non ne venisse snaturata la peculiarità come centro di ricerca in favore di una razionalizzazione della spesa. «Le Marche hanno la popolazione residente composta al 25% di ultrasessantacinquenni- ha detto Cangini-si è avuta la lungimiranza a suo tempo di creare una struttura non solo ospedaliera ma anche di ricerca e temiamo che questo aspetto specifico possa perdersi». Stessa preoccupazione per Acquaroli: «La struttura che sta nascendo ad Ancona Sud potrebbe sostituire il bacino d’utenza che si rischia di perdere con il ridimensionamento di Civitanova Marche, è facile dunque pensare che quella struttura nata con vocazione di assistenza agli anziani e ricerca e che è diventata orgoglio per Ancona e per tutta la regione possa negli anni essere compromessa». Per Patassini: «La rivoluzione del buonsenso parte dal valorizzare e far crescere quello che c’è di buono. Questo vuol dire che anche in una localizzazione diversa l’Inrca deve mantenere il livello di eccellenza riconosciuto a livello nazionale». L’altra preoccupazione del centrodestra è quella di salvaguardare le strutture di via della Montagnola così come degli altri presidi cittadini: «Il direttore regionale non ci ha saputo dare una risposta sul destino di quei contenitori. Ad Ancona abbiamo l’ex Lancisi e avremo l’ex Inrca e l’ex Salesi, noi pensiamo che per l’Inrca debba rimanere un presidio di prima accoglienza sanitaria in città altrimenti avremmo esternalizzato completamente la presenza sanitaria da Ancona» ha concluso Tombolini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento