Flash mob contro smog e traffico: «Questa aria ci sta uccidendo»

Flash mob in centro organizzato dalla lista civica Altra Idea di Città, in corsa per le prossime elezioni comunali. I manifestanti si sono lasciati cadere a terra

Un momento del flash mob

A sorpresa venerdì pomeriggio si è svolto un Flash -Mob lungo il Viale della Vittoria organizzato da Altra idea di città, la lista civica indipendente che presenta come  candidato alla carica di Sindaco Francesco Rubini, per richiamare l’attenzione sulla grave situazione dell’inquinamento dell’aria nella città di Ancona. Più  volte i manifestanti, che indossavano tute con scritte relative alla nocività  delle polveri sottili,  si sono lasciati cadere a terra al suono di un gong suonato da Silvia Lastei  candidata della lista. Diversi gli  interventi al termine della performance, tra i quali quelli dei candidati Loretta Boni e Oskar Barrile, oltre a quello di Tiziana Marsili Tosto ideatrice dell'iniziativa, che hanno denunciato come la mancanza di centraline di monitoraggio  delle pericolose polveri sottili PM10 e  PM2,5  un tempo presenti nella città, siano una grave mancanza della Giunta Mancinelli che mette in questo modo a rischio la salute di tutta la popolazione.

Francesco Rubini ha poi concluso ricordando i principali punti del suo programma su questo tema, quali la riattivazione del progetto metropolitana di superficie con la riapertura della stazione marittima e la realizzazione di nuove corsie preferenziali e cordoli per il trasporto pubblico locale, il rafforzamento e l’implementazione dei parcheggi scambiatori con il progressivo ampliamento della ZTL e dell’area pedonale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento