rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Elezioni comunali 2018

Nessun Registro tumori in Umbria, Mangialardi: «Ecco cosa succede se governa la destra»

Così il candidato alla presidenza Maurizio Mangialardi

ANCONA - Le recenti notizie riguardanti la cancellazione del Registro dei tumori in Umbria da parte della giunta regionale guidata dalla presidente Donatella Tesei fa sentire la sua eco anche nelle Marche.

«Ecco cosa succede quando si permette alle destre sovraniste e populiste di andare al governo delle Regioni - afferma il candidato alla presidenza Maurizio Mangialardi -. La cosa ancora più triste è che per permettere un tale scempio in Umbria hanno appositamente chiamato dal Veneto tale Luca Coletto e lo hanno messo a capo della sanità umbra per importare le "meraviglie" dei modelli leghisti, fondati sulla privatizzazione selvaggia dei servizi. Sono certo che i marchigiani eviteranno l'errore dei nostri vicini umbri, i quali stanno amaramente sperimentando sulla loro pelle la piaga del sovranismo e del leghismo». «La sanità marchigiana - aggiunge Mangialardi - deve voltare pagina rispetto a tutto ciò che è stato negli ultimi dieci anni. Ma lo deve fare attraverso il potenziamento degli ospedali e della medicina del territorio, come proponiamo di fare nel nostro programma attraverso i fondi del Mes, non certo attraverso ulteriori tagli e la  colonizzazione delle nostre strutture sanitarie orchestrata dalle segreterie romane della Lega è di Fratelli d'Italia». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun Registro tumori in Umbria, Mangialardi: «Ecco cosa succede se governa la destra»

AnconaToday è in caricamento