Comunali 2018, manifesti elettorali affissi in balcone: ma sono abusivi

Gli appositi spazi per la propaganda elettorale sono quelle piattaforme mobili presenti in zone prestabilite dei vari quartieri dove poter attaccare, ognuno nel rispetto del riquadro assegnatogli, i manifesti elettorali

Manifesto abusivo

Tre manifesti elettorali, delle prossime elezioni comunali ad Ancona, compaiono sulla recinzione che delimita la balconata di un privato dalla strada. Peccato che le norme prescrivano come, “in campagna elettorale, l’affissione di stampati, giornali e di manifesti di propaganda, da parte di partiti o gruppi politici che partecipano alla competizione elettorale con liste di candidati può essere effettuata solo negli appositi spazi a ciò destinati in ogni Comune”. Gli appositi spazi per la propaganda elettorale sono quelle piattaforme mobili presenti in zone prestabilite dei vari quartieri dove poter attaccare, ognuno nel rispetto del riquadro assegnatogli, i manifesti elettorali. 

Insomma manifesti abusivi. In questo caso a cadere in errore è chi ha affisso i manifesti di Lorenzo Morbidoni del Partito Democratico, già consigliere comunale, che si ripropone per il consiglio sempre tra la fila del Pd, per Mancinelli sindaco, con lo slogan “La serietà non va in pensione”. I 3 manifesti campeggiano sulla proprietà privata in via Maiolati e danno proprio sulla strada, come fossero dei manifesti pubblicitari per i passanti. In uno è presente solo lui, mentre negli altri due ai lati c’è anche Chiara Censi che si presenta in tandem con il consigliere democrat. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento