Venerdì, 15 Ottobre 2021
Elezioni comunali 2018

Elezioni comunali, Idea si presenta e cerca l'alleanza con il centrodestra

Il senatore Gaetano Quagliariello ha presentato i volti marchigiani del movimento Idea. Il coordinatore di Ancona è Paolo Eusebi. Si cerca l'accordo con centrodestra e liste civiche

Unificare i moderati e riportare la voce del territorio al centro delle scelte politiche. Il movimento politico Idea approda nelle Marche e lancia la sfida elettorale per le prossime elezioni comunali di Ancona e Falconara. Stamattina all’Hotel City il senatore Gaetano Quagliariello (Presidente Nazionale Idea) e la senatrice Serenella Fucksia hanno presentato la squadra che rappresenterà il movimento nelle provincie marchigiane. Coordinatore di Ancona e provincia sarà l’ex consigliere regionale Idv Paolo Eusebi. Idea tende la mano alla coalizione di centrodestra e alle liste civiche. Seduto tra il pubblico c’era anche Carlo Ciccioli, portavoce regionale FdI-AN, ma l’accordo per correre insieme nella prossima sfida alla Mancinelli deve ancora essere trovato. «Il centrodestra ha detto “andiamo insieme” ma non ci ha detto il perché. Va bene, perché l’unità è un valore, ma solo se ha fondamenta buone e ancora non siamo in questa fase» ha spiegato Eusebi.

La sfida su Ancona, Eusebi: «Cacciare “la ditta”»

La sfida su Ancona è lanciata. «Vogliamo contribuire a cacciare la ditta- spiega Paolo Eusebi- che non è la Mancinelli, lei ne è solo l’espressione. E’ la ditta Pd ad essere un danno per questa città, perché in questo momento non è emendabile e non è rimediabile. Noi cercheremo l’accordo con tutti quelli che vogliono cacciare la ditta, nei termini che impone la nostra coscienza». “Ditta”, non una parola a caso per Eusebi: «Io la chiamo così perché non è più politica, è solo un consiglio di amministrazione per gestire gli affari e il potere. Non intendo cose illegali, parlo solo da un punto di vista morale. C’è troppa stagnazione e qui la clientela, che tempo fa era una degenerazione, è diventato un sistema». L’Ancona perfetta di Paolo Eusebi passa per la valorizzazione del patrimonio storico e della movida. «Se fate un giro sopra piazza del Papa trovate transenne, macerie, erbacce. L’unico sistema per valorizzare Ancona da un punto di vista turistico è recuperare la città storica e rivitalizzare la città notturna. Io feci delle battaglie quando ero assessore al commercio con gli amici di piazza del Papa, perché i residenti hanno diritto di stare tranquilli. Io però dico che se uno vuole l’eremo va a vivere a Candia. La città è dei cittadini che la abitano, ma è un dovere di tutti fare anche in modo che sia una città viva. La movida di piazza del Papa, parliamo di musica e concerti, aveva aspetti negativi e possibilità di controllo maggiori, ma era positiva. Io non voglio una città morta come è stata in questi anni». Lo sguardo si allarga poi al centro storico: «La pedonalizzazione del corso di Fabio Sturani è geniale, ma solo se la doti di un perché. Se non fai parcheggi la gente va da Auchan o a Civitanova. Se vuoi ammazzare una città questa è la strada giusta».

La squadra marchigiana

Sergio Cinelli è il coordinatore Idea di Ascoli Piceno, Saturnino Di Ruscio di Fermo. L’area maceratese farà riferimento a Paola Giorgi, quella di Pesaro e Urbino a Orietta Ciancamerla. «E’ necessario trovare soluzioni nuove ibridando culture- ha spiegato Gaetano Quagliariello- si è tentato con la vicenda del PdL che è fallita per mancanza di regole e personalismi. Si voleva cancellare una leadership e sostituirla, ma se si riprende quella esperienza e si approfondisce con delle regole si torna sul giusto binario». Gli fa eco il coordinatore regionale Marche Idea, Vittoriano Solazzi: «Le crisi economiche sono cicliche e passano, in Italia c’è crisi di valori e di una politica che da 20 anni non traccia traiettorie che non siano quotidiane. Idea vuole essere la risposta a questa crisi confrontandosi su temi del lavoro, occupazione, ripresa economica, globalizzazione, immigrazione, fisco e Europa». A proposito di lavoro, Serenella Fucksia accenna alla situazione della sua Fabriano: «Abbiamo la cartiera che ha perso commesse importanti e rischia la disoccupazione. Per fare politica oggi occorrono gli strumenti e le competenze. Questo è un gruppo aperto, che ha avuto il coraggio di mettere insieme il diavolo e l’acqua santa. Nessuno è diavolo e nessuno può pensare di essere completamente acqua santa, la gente non vuole più solo credere, ma vedere cosa c’è nella scatola della politica»
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali, Idea si presenta e cerca l'alleanza con il centrodestra

AnconaToday è in caricamento