menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Luchetti strappa un ex assessore alla Signorini: «Coalizione con tre liste»

Oltre al Partito Democratico due civiche con il candidato di centrosinistra. L'Udc che ha garantito la sua presenza con Fabio Marcatili, in giunta con Brandoni dal 2011 al 2016

Il Partito Democratico. Più una lista civica "pura" e una più "politica" con socialisti, repubblicani e anche l'Udc, in fuga dal centrodestra con il quale ha governato in questi anni. Fabio Marcatili, assessore al Welfare in giunta dal 2011 nel primo mandato del sindaco Goffredo Brandoni, poi confermato nel 2013 fino al rimpasto di metà mandato, sarà candidato nella coalizione che appoggia il candidato sindaco dem Marco Luchetti. A pesare sulla scelta, la non condivisione della candidatura di Stefania Signorini. Un po' quello che è accaduto con Insieme Civico, ora in corsa solitaria con Matteo Marinacci. Marcatili sarà dunque schierato nella riproposizione di quella che nel 2013 era Uniti per Mastrovincenzo andando a coprire il buco lasciato scoperto da Carmelino Proto che, di contro, ha lasciato il centrosinistra per approdare nello schieramento della Signorini.

Nella stessa lista di Marcatili si candiderà anche il repubblicano Marco Menotti, già consigliere di opposizione della precedente legislatura 2008/2013. Per quanto riguarda il Pd, il direttivo ha dato l'ok nei giorni scorsi alla ricandidatura del gruppo consiliare uscente: il capogruppo Franco Federici, Andrea Rossi, Laura Luciani e Alessandro Giacchetta. Questa mattina (sabato 7 aprile) Luchetti ha aperto le porte della sua sede elettorale in piazza Mazzini in uno dei locali sotto i portici del palazzo delle Poste. Sono state raccolte disponibilità alle candidature "per arrivare al 15 aprile con le presentazioni" ha detto il candidato. Ad aprire l'incontro, analizzando il voto cittadino del 4 marzo, ci ha pensato il coordinatore Egidio Borsini che nonostante la frammentazione – 7 candidati sindaco, 6 ufficializzati - vede nella Signorini «il vero avversario da battere».

Pd senza giovani, quelli della Signorini ancora senza nome

«Avremmo voluto fare una quarta lista composta da giovani – ha ammesso Luchetti – ma non riusciamo a essere attrattivi. Andremo avanti con tre ma dobbiamo tuti dare una mano perché Luchetti da solo non va da nessuna parte». Giovani che invece non sembrano essere un problema per il centrodestra. La quarta lista che appoggerà la Signorini ha il gruppo già abbastanza formato e al lavoro per scegliere, intanto, il nome. 

Uniti per Falconara, operazione Signorini Sindaco al via

Mentre i Pd era in assemblea la principale lista di maggioranza, Uniti per Falconara, si è data appuntamento a poche centinaia di metri di distanza all'ex circolo Endas. Riunione operativa, lista in definizione e presentazione a breve. Tra Upf e Falconara in Movimento si sono rimescolate un po' le carte. In Upf saranno candidati gli ex Fim Maurizio Andreoni e Stefania Marini e l'ex Insieme Civico Michele Chiappa. Con loro confermati Goffredo Brandoni, gli assessori uscenti Clemente Rossi, Raimondo Mondaini e Giorgia Fiorentini, Marco Giacanella e Raimondo Baia. In Fim oltre all'altro assessore Matteo Astolfi, Romolo Cipolletti e Luca Cappanera anche Valentina Barchiesi e la presidente del consiglio comunale Yasmin Al Diry. In Ridisegnare Falconara confermate le presenze di Bruno Severini e Fabio Amici mentre non si ricandiderà Piero Donati.

La Lega con Caricchio: «Città allo sbando, il degrado è sotto gli occhi di tutti»

Con la ferma volontà di mantenere il simbolo con Alberto da Giussano, respinto dalla coalizione della maggioranza, e nonostante la presenza al fianco della Signorini dell'apprezzato assessore Astolfi, il Carroccio falconarese lavora per la costituzione di una lista propria a sostegno del candidato sindaco Stefano Caricchio, attuale coordinatore cittadino. La presentazione ufficiale dei candidati dovrebbe tenersi la prossima settimana. Nel frattempo Caricchio è tornata ad attaccare a testa bassa la maggioranza uscente sulla sicurezza. «Purtroppo – si legge in una nota - in questi ultimi anni la nostra cittadina ha subito un forte processo di degrado sia dal punto di vista sociale che da quello urbanistico e ambientale. Il degrado sociale è sotto gli occhi di tutti: nella colpevole inerzia dell’amministrazione comunale Falconara e, in particolare, la sua piazza principale sono state letteralmente invase da cittadini extracomunitari, i quali si rendono spesso protagonisti di atti di violenza, di furti e di attività di spaccio di sostanze stupefacenti. L’amministrazione falconarese, così attiva per organizzare incontri elettorali, inaugurazioni e mercatini di vario tipo, riesce a trovare il tempo per occuparsi anche della sicurezza dei cittadini? E cosa sta facendo ? Quando sarà al governo di Falconara, la Lega si impegna a ripulire le nostre piazze e le nostre spiagge e a fermare il degrado della nostra città».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento