Elezioni comunali 2018

CasaPound in corsa per il sindaco, caccia alle firme per il quinto candidato

Il movimento di ultradestra entra nella tenzone elettorale ma è corsa contro il tempo per allestire la lista dei candidati e per reperire le firme per la presentazione

Simone Di Stefano ed Emanuele Mazzieri

Ci sarà anche un candidato di Casa Pound per la corsa allo scranno più alto di Palazzo del Popolo. Lo ha annunciato il responsabile regionale Andrea Lamona che, al tempo stesso, ha anche ufficializzato l'avvio di una corsa contro il tempo per avere tutti i documenti in regola rispetto alla presentazione del candidato sindaco e della lista in appoggio. La legge prevede, per Ancona e per gli altri comuni sopra i 100mila abitanti, la presentazione di liste di almeno 21 candidati (massimo 32). Ogni lista deve essere sottoscritta da almeno 350 cittadini iscritti nelle liste elettorali del Comune e all'ufficio elettorale del Comune entro il 12 maggio. Meno di un mese, dunque, per Cpi.

Il candidato sindaco? Il nome più gettonato è quello di Emanuele Mazzieri, già candidato alla Camera alle scorse Politiche del 4 marzo che hanno visto la Tartaruga attirare 1.275 voti (0,85%). «Il tempo a nostra disposizione non è molto e la nostra comunità è relativamente giovane. Nonostante ciò crediamo che l’obiettivo delle firme sia alla nostra portata, viste le centinaia di voti che CasaPound ha raccolta ad Ancona alle elezioni nazionali di questo marzo» commenta Lamona. Quello di Mazzieri sarebbe dunque il quinto nome sulla griglia di partenza dopo quelli di Valeria Mancinelli (Pd e alleati), Stefano Tombolini (centrodestra e liste civiche), Francesco Rubini (Un'altra idea di città) e Daniela Diomedi (Movimento 5 Stelle).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CasaPound in corsa per il sindaco, caccia alle firme per il quinto candidato

AnconaToday è in caricamento