Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

«Per me un anno ricco di impegni ed iniziative, nel 2020 la sfida più importante»

Fa il punto sull'anno appena concluso la consigliera regionale di Fratelli d'Italia Elena Leonardi, che ricorda i temi sui quali si è maggiormente impegnata e pensa già a cosa lavorare nel 2020  

Elena Leonardi

«Si è appena concluso un anno per me ricco di impegno e di iniziative dal Consiglio regionale e sul territorio. Ci sono alcuni momenti importanti che porterò certamente con me nel mio percorso personale oltre che politico. Voglio ricordare l’emozione dell’intitolazione del piazzale della Regione ad Emanuela Loi, vittima della mafia nella strage di via D’Amelio insieme al giudice Paolo Borsellino. E poi l’impegno costante per i temi cruciali, come quelli della sanità e del terremoto. Quanti atti portati all’attenzione del consiglio per cercare di superare criticità così cruciali per il nostro entroterra». Fa il punto sull'anno appena concluso la consigliera regionale di Fratelli d'Italia Elena Leonardi, che ricorda i temi sui quali si è maggiormente impegnata e pensa già a cosa lavorare nel 2020.

«L’impegno verso i più fragili, con gli atti di contrasto a tutte quelle che sono le dipendenze, dal gioco patologico fino a tutte le dipendenze digitali, che colpiscono i più giovani. Non è mai mancato il mio lavoro per la lotta alla droga, a tutte le droghe, e a quelle organizzazioni criminali che con i loro traffici si arricchiscono, dalle mafie tradizionali alle nuove mafie straniere, come la nuova mafia nigeriana, che anche nelle Marche hanno portato purtroppo morte e tanta disperazione. Da portorecanatese non posso non ricordare il tema della difesa della costa, che mi ha visto impegnata in questi mesi per cercare di sostenere quelle realtà, soprattutto turistiche, che muovono grande parte dell’indotto della nostra Regione su questo tema. Perché difendere la nostra costa non vuol dire solo proteggere le infrastrutture, ma significa ridare delle opportunità di rilancio a un’economia importante come quella turistica. In questi dodici mesi sono state tante le battaglie, tanti i momenti di confronto con i territori, ma soprattutto saranno importanti quelle battaglie che ci vedranno impegnati nel 2020, perché ci aspetta la sfida più importante: quella di cambiare la rotta della nostra Regione, intervenire su tutti quei temi in cui chi ci ha governato nelle ultime legislature non è stato in grado di dare una prospettiva alle Marche, dal lavoro al rilancio delle imprese, al superamento delle barriere infrastrutturali che purtroppo vincolano la nostra Regione, fino alle note problematiche legate alla sanità e alla ricostruzione che non decolla. Per questo l’impegno nel 2020 ci vedrà protagonisti, per rilanciare la nostra Regione e dare un futuro di dignità e speranza a tanti marchigiani. A tutti, per un 2020 carico di impegni, di speranza, e soprattutto che ci veda realizzarci in positivo, i miei migliori auguri». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Per me un anno ricco di impegni ed iniziative, nel 2020 la sfida più importante»

AnconaToday è in caricamento