Contrasto alle droghe nelle scuole, la Lega: «Il garante si deve dimettere»

Netta la presa di posizione del capogruppo della Lega nord in Consiglio regionale, Sandro Zaffiri

«Ennesima dichiarazione di parte (e fuori luogo) da parte del Garante regionale dei diritti, Andrea Nobili, che, evidentemente, ha iniziato una sua personale campagna elettorale». Netta la presa di posizione del capogruppo della Lega nord in Consiglio regionale, Sandro Zaffiri, in ordine all’invito, formulato da Nobili, ad usare metodi “meno invasivi” nella lotta all’uso di droghe da parte dei giovani. Nella giornata di ieri, infatti, il Garante aveva criticato l’intervento effettuato dalla polizia in alcuni Istituti scolastici con l’ausilio dei cani antidroga, sostenendone l’inopportunità e preferendo, invece, metodi maggiormente dialoganti e comunicativi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quando si parla di prevenzione e contrasto alle droghe – afferma Zaffiri – occorre mettere a sistema tutte le possibile strategie. Una corretta informazione e comunicazione, ma anche i controlli a sorpresa effettuati dalle forze dell’ordine, soprattutto quando, in questi anni, i fatti hanno dimostrato la scarsa efficacia di tante parole. Alle forze dell’ordine e ai loro vertici non può che andare un plauso e un invito a continuare con convinzione e senza ripensamenti su questa strada che certamente potrà portare ai risultati sperati, cioè quelli di ridurre il rischio di presenza di sostanze stupefacenti in ambito scolastico. La confusione che Nobili dimostra di avere in testa, in merito alle strategie da mettere in atto denota di averla anche in quanto al ruolo che ricopre, cioè di imparzialità. Se Nobili intende avviare una sua propria campagna elettorale per raggiungere non si sa quale scranno – conclude Zaffiri – si dimetta immediatamente da Garante e rinunci anche all’indennità che attualmente percepisce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Salvini imbarazza Acquaroli e lo brucia sulla giunta delle Marche: Ancona a mani vuote

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento