rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Politica

Il Dr. Pozzi si è dimesso, Mangialardi (Pd): «Cardiochirurgia e Cardiologia pediatrica sempre più allo sbando»

Il capogruppo del Partito Democartico teme che il servizio possa scomparire

ANCONA- Il dottor Marco Pozzi, direttore della Sod Cardiochirurgia e Cardiologia pediatrica e congenita si è dimesso. «La sanità regionale è in grandissima difficoltà – commenta il capogruppo del Partito Democratico Maurizio Mangialardi, che più volte nel corso degli ultimi mesi è intervenuto in aula con varie interrogazioni per denunciare la disastrosa situazione della Cardiochirurgia e Cardiologia pediatrica –. Purtroppo le dimissioni del dottor Pozzi evidenziano una volta di più il costante peggioramento dei servizi sanitari al cittadino a cui stiamo assistendo da tre anni». Attualmente sono in corso le audizioni alla IV commissione consiliare sul nuovo Piano Socio Sanitario Regionale. «Da molto tempo – spiega il capogruppo dem, che è anche relatore di minoranza della proposta di legge riguardante il nuovo Piano Socio Sanitario Regionale - insieme all’associazione “Un Battito d’Ali” che riunisce le famiglie dei bambini cardiopatici, chiediamo alla giunta regionale di intervenire sulle liste d’attesa, sulla funzionalità e operatività del reparto, sulla carenza di personale medico e infermieristico. Da parte dell’assessore Saltamartini abbiamo ricevuto solo promesse che non sono mai state mantenute. Un fatto inaccettabile se consideriamo che stiamo parlando di piccoli pazienti malati di cuore. Ora il timore è quello che questo servizio possa davvero scomparire».

Secondo Mangialrdi il rischio è concreto. «Il tutto sta avvenendo nel palese disinteresse della giunta regionale e del direttore generale dell’Ospedale di Torrette Armando Gozzini. Questo atteggiamento irresponsabile dei vertici della sanità regionale ha costretto il dottor Pozzi alle dimissioni, senza che sia stato individuato un sostituto. Si rischia seriamente di perdere per sempre la struttura ad hoc dedicata alla Cardiochirurgia e Cardiologia pediatrica e congenita. Si tratterebbe di un depauperamento gravissimo a danno della salute dei bambini: basti pensare che dal 2005, data della sua istituzione, a oggi, il servizio ha permesso di portare il tasso di mortalità dall’11% allo 0,4%. inoltre, mentre in questi anni il reparto ha avuto una mobilità attiva del 40-45%, la chiusura del reparto o una sua riorganizzazione non all’altezza di quella attuale, porterebbe a una mobilità passiva». Mangialardi conclude. «Il nostro obiettivo, che porteremo anche in sede di discussione del Pssr, è invece quello di potenziare la struttura e renderla il punto di riferimento per le famiglie di tutta l’Italia centrale. Si potrebbero infatti attivare convenzioni con Umbria, Abruzzo e Molise, regioni che non hanno una Sod di Cardiochirurgia specificamente pediatrica, per fare di Torrette un’eccellenza ancor più riconosciuta e alzare ulteriormente gli standard. Siamo ancora in tempo per correggere le scelte adottate da Saltamartini e Gozzini e lavorare a un vero rilancio. Ma è chiaro che ci deve essere la giusta sensibilità e, soprattutto, la volontà politica della giunta regionale. Una volontà che fino a oggi è mancata, forse a causa dell'inconfessabile desiderio di tagliare questo servizio».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Dr. Pozzi si è dimesso, Mangialardi (Pd): «Cardiochirurgia e Cardiologia pediatrica sempre più allo sbando»

AnconaToday è in caricamento