Museo del Mare, disponibilità della Provincia. Casagrande: "Sosterremo il progetto"

"Il rilancio del porto e del centro storico di Ancona passa senza dubbio dalla valorizzazione delle radici storiche e dell'identità culturale della città. Per questo la Provincia di Ancona farà la sua parte"

"Il rilancio del porto e del centro storico di Ancona passa senza dubbio dalla valorizzazione delle radici storiche e dell'identità culturale della città. Per questo la Provincia di Ancona farà la sua parte per sostenere la realizzazione del Museo del Mare nei locali dell'Istituto Nautico".

Così il commissario straordinario della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande, sul dibattito apertosi intorno alla questione del Museo del Mare, alla vigilia del convegno che si terrà giovedì prossimo, al Teatro delle Muse, sul tema Una proposta di riassetto del porto storico.

"Il rapporto tra Ancona e il mare, tra le Marche e il mare - continua la Casagrande - attraversa i secoli e i millenni, giungendo fino ai giorni nostri, come dimostra il caparbio impegno non solo delle istituzioni, ma anche degli operatori economici e culturali marchigiani per la costituzione della Macroregione Adriatica. È quanto mai opportuno, dunque, anche nell'ottica di una rinnovata e più efficace politica del turismo, che questa storia trovi quanto prima una propria sede".

"La settimana scorsa - conclude il commissario - ho incontrato l'associazione che sta lavorando con passione al progetto e sono convinta che ci siano le condizioni per dare concretezza a questo percorso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento