Funerali Rauti: giornalista anconetano denuncia "apologia del fascismo"

Un giornalista di Ancona, Sergio Sinigaglia, ha presentato un esposto contro ignoti alla procura della Repubblica dopo i funerali dell'ex segretario del Movimento sociale italiano Pino Rauti

Pino Rauti

Una “indegna gazzarra di saluti romani, insulti antisemiti e quant'altro”, in un “paese sciagurato, che non ha memoria storica”. Per “apologia del fascismo” un giornalista di Ancona, Sergio Sinigaglia, ha presentato un esposto contro ignoti alla procura della Repubblica dopo i funerali dell'ex segretario del Movimento sociale italiano Pino Rauti, ieri a Roma. Ha visto i servizi tv, letto i quotidiani, e ha deciso che “non si può sempre assistere passivi”.

Collaboratore del 'Manifesto', un passato in Lotta continua, impegnato in comitati per la difesa dei diritti dei cittadini, Sinigaglia non fa riferimento all'aggressione dei 'camerati' rautiani al presidente della Camera Gianfranco Fini (guarda il VIDEO su RomaToday), ma sottolinea che “la pietas e il rispetto di fronte alla morte vanno oltre qualunque credo politico e religioso”. “Capisco che in questo sciagurato Paese stia ormai irrimediabilmente sbiadendo la memoria storica del ventennio fascista. Tra libri di Pansa, discutibili fiction e sdoganamenti vari, ormai la dittatura mussoliniana è presentata come un qualcosa di indefinito con 'luci e ombre', e chi lottò e morì per la libertà e la democrazia viene risucchiato in improbabili 'triangoli della morte'“.

“Una ricostruzione parziale e superficiale dei cosiddetti 'anni di piombo' - aggiunge - ha rimosso il significato della strategia della tensione, delle stragi fasciste, e i tentativi di colpo di Stato (tutte vicende che videro Rauti protagonista), tanto che capita di leggere che non pochi studenti delle superiori pensano che la Strage di Piazza Fontana fu opera delle Brigate Rosse”. “Ma a tutto c'é un limite”.

IL TESTO DELLA DENUNCIA.

“Il sottoscritto Sergio Sinigaglia, nato ad Ancona il […], ivi residente in […],
espone quanto segue:

Avendo visto in data 5 novembre l’edizione del TG de La 7  riguardante i funerali di Pino Rauti svoltisi a Roma nello stesso giorno, durante i quali, come ben illustrato dal servizio giornalistico, i partecipanti hanno salutato il feretro con saluti romani e grida inneggianti al “camerata Rauti”, avendo letto le cronache sui maggiori quotidiani nazionali dove traspare evidente come le esequie si siano trasformate in una manifestazione inneggiante al fascismo, ha deciso di sporgere denuncia contro ignoti in quanto ritiene si sia palesato il reato di “apologia di fascismo”.
In fede

Sergio Sinigaglia

Ancona 6 novembre 2012”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Coronavirus, screening di massa con tampone antigenico rapido nelle Marche

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento