Delegazione di Anci Marche in visita a Cracovia. Presente anche l'assessore regionale Malaspina

Nell'anniversario per i 70 anni dalla liberazione da parte dei "Lancieri di Carpazia" Anci Marche ha organizzato una serie di incontri di una delegazione di sindaci marchigiani

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Nell'anniversario per i 70 anni dagli eventi che nel luglio del 1944 si svolsero nella nostra regione con la liberazione dalle truppe naziste da parte dei "Lancieri di Carpazia" inquadrati nel corpo di armata polacco del generale Andersen, Anci Marche, rispondendo alle numerose sollecitazioni giunte dai reduci polacchi e dai loro familiari, di quell'eroica impresa, ha organizzato un viaggio a Cracovia, una serie di incontri di una delegazione di sindaci marchigiani.

Gli incontri dureranno 4 giorni e la delegazione si recherà anche al mausoleo dedicato ai caduti italiani dei campi di concentramento nazisti ad Auschwitz. Prevista anche la visita di Wadowice, città natale del Santo Giovanni Paolo II e visita della mostra "Papa Giovanni Paolo II, dalla sua nascita alla morte" che comprende oggetti personali di Karol Wojtyla, manoscritti, album di foto e ricordi dei vari pellegrinaggi del Santo Padre.

La delegazione sarà guidata dal presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi, il vice Goffredo Brandoni, il segretario Marcello Bedeschi, il presidente del consiglio comunale di Ancona, Pesaro e Falconara, il presidente dell'Uncem Michele Maiani, i sindaci di Macerata, Ascoli Piceno, San Severino Marche, Pedaso, San Benedetto del Tronto, Fano, Filottrano. Parteciperanno inoltre l'Assessore regionale Maura Malaspina ed il dirigente Raimondo Orsetti. In rappresentanza delle rispettive Anci regionali parteciperanno anche il presidente di Anci Basilicata Fernando Picerno e dil segretario, il segretario dell'Anci Veneto Dario Menara ed il sindaco del comune di Negrar (VR).

Tutti i partecipanti hanno fatto fronte personalmente alle spese di viaggio e soggiorno.

Torna su
AnconaToday è in caricamento