menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il vicesindaco Marconi col presidente della bocciofila

Il vicesindaco Marconi col presidente della bocciofila

Bocciodromo protetto col defibrillatore, martedì anche nelle scuole medie

Il sensore è in grado di riconoscere l'arresto cardiaco e di comunicare l'eventuale necessità di trasmettere la scarica sulle pareti muscolari del cuore

Un intervento tempestivo, in attesa del soccorso medico del 118, può evitare un dramma. Ecco perché l’amministrazione comunale di Castelfidardo ha inteso completare la dotazione dei DAE (defibrillatori automatici esterni) mettendo a disposizione del bocciodromo, unico impianto sportivo del territorio che ne era rimasto sprovvisto, un modello di ultima generazione. L’assessore alla sanità e ai servizi sociali Andrea Marconi ha illustrato il funzionamento del salvavita ad Avelino Onofri, presidente della società Bocciofila Castelfidardo, sottolineando l’importanza di questo «dispositivo intelligente capace di rilevare l’attività cardiaca e di guidare l’utente al corretto utilizzo tramite suggerimento vocale».

Il sensore è in grado di riconoscere l’arresto cardiaco e di comunicare l’eventuale necessità di trasmettere la scarica sulle pareti muscolari del cuore. Il Dae è stato acquistato dall’Amministrazione con un co-finanziamento regionale del 50%; un altro esemplare verrà portato domani - martedì - nel plesso delle scuole medie che ospita I.C. Soprani e Mazzini. L’assessorato sta inoltre definendo le date dei corsi autorizzativi per i membri di tutti i club sportivi. Nel recente passato, sette strutture erano già state “protette” grazie alla generosità del concittadino Aurelio Catena che per espressa volontà testamentaria aveva voluto donare i defibrillatori ai compaesani.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento