menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Italo D'Angelo

Italo D'Angelo

Sicurezza, decoro urbano e vandalismo. D’Angelo: «Ecco da dove ricominciare»

Il Presidente del gruppo comunale “La Tua Ancona” affida a una nota le riflessioni sullo stato delle cose in città. Tra i temi anche il recente danneggiamento della Fontana dei due Soli 

Inciviltà, sicurezza e decoro urbano. Italo d’Angelo, presidente de “La Tua Ancona” affida a una nota stampa le riflessioni sullo stato delle cose nel capoluogo marchigiano: «Purtroppo gli atti di inciviltà aumentano ogni giorno e i candidati Sindaci nei programmi elettorali saranno costretti ad affrontare tra i primi problemi quello della sicurezza urbana. Sul tema, a maggioranza, è stata votata una delibera inizialmente predisposta dai Consiglieri de La Tua Ancona nella quale sono stati affrontati i vari aspetti di intervento, ovvero la Deliberazione n.99 del 17/10/2013 sulla sicurezza, accoglienza, integrazione e senso civico. Quello che sarebbe veramente grave è che fenomeni di povertà e disagio sociale vengano confusi con i problemi di sicurezza pubblica, che sono tutt’altra cosa, e che la confusione apra la porta anche in Ancona a gesti di intolleranza o ancor più di razzismo. In Ancona e del resto a Roma, Torino o Napoli succede lo stesso: purtroppo aumentano i poveri e non sarà certo un Sindaco che potrà risolvere del tutto il problema povertà o addirittura quello dell’occupazione».

Il decoro urbano

Per quanto riguarda i fenomeni di inciviltà che si registrano in città la Polizia Municipale ha bisogno del necessario concorso degli apparati di sicurezza dello Stato. La città, per finalità di prevenzione della criminalità, è stata già divisa in zone di intervento. Oggi tutti debbono concorrere alla sicurezza urbana ed al mantenimento del decoro urbano. Io inizierei proprio dal centro e dagli stessi negozianti che, senza alcun imbarazzo, depositano gli enormi scatoloni lungo le vie principali del centro, per poi magari lamentarsi del mendicante che piantona l’entrata del negozio stesso in cerca della monetina. Intanto registriamo  con soddisfazione che da tempo non si vedono più sdraiati a terra i clochard con i cagnolini accanto, segno evidente che qualcosa sta cambiando .

Sicurezza e vandalismo

«Quello che è determinante per la sicurezza urbana, oltre alle telecamere alle quali siamo ormai abituati,è la presenza di “uniformi”» commenta D’Angelo, che auspica il reintegro dell’attuale organico della Polizia Municipale. «Bisogna comunqnue tornare al Carabiniere o Poliziotto di quartiere». Riguardo alla Fontana dei due Soli, recentemente dannegiata da ragazzi in skateboard: «sarà il caso che il cittadino diventi egli stesso sentinella dei beni della città perché sono beni suoi. Oggi tutti hanno il telefonino e credo sia un dovere civico fare il 113/112 quando quattro ragazzetti, magari pure ingenui , pensano di utilizzare un bene comune per personale divertimento. Bisognerebbe  investire da subito nell’educazione civica ,da riportare sui banchi di scuola come materia obbligatoria, perché è nella famiglia ,ma soprattutto nella scuola che si forma il cittadino del domani».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento