Soppressione nucleo elicotteri Falconara, Favia: Assurdità

Il leader Idv contro la soppressione del quinto nucleo Elicotteri dell'Arma dei Carabinieri di Falconara Marittima: un presidio di sicurezza irrinunciabile

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Alla luce delle parole del nostro presidente Gian Mario Spacca sull'assurdità di chiudere il quinto nucleo Elicotteri dell'Arma dei Carabinieri di Falconara Marittima, voglio ricordare l'attivismo dell'Italia dei Valori.
Già a settembre avevo depositato un’interrogazione alla Camera dei Deputati in merito alla soppressione del 5° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Falconara.

Ora bisogna capire quanto prima se il nostro ministro della Difesa sia al corrente degli effettivi piani di riorganizzazione attualmente al vaglio del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e, qualora la paventata soppressione stia venendo effettivamente valutata, quali siano le iniziative che intende assumere onde evitare la chiusura del 5° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Falconara.

Tale assurda scelta sarebbe dettata da ragioni di contenimento dei costi, le quali invero non risultano particolarmente convincenti, considerando che le spese relative al personale dell’Arma in servizio ed alla manutenzione dei velivoli verrebbero solo fatte gravare su altra sede, e non quindi eliminate.
 Inoltre, nel caso della paventata soppressione, non solo le Marche, ma anche la vicina Regione Umbria verrebbero di fatto spogliate del solo reparto di Polizia ad ala rotante finora esistente sul proprio territorio.

 Per noi il 5° Nucleo Elicotteri dei Carabinieri di Falconara costituisce non solo un fondamentale presidio di sicurezza e di pronto intervento (si consideri che i velivoli in dotazione al Nucleo possono coprire l’intero territorio marchigiano in circa mezz’ora), ma anche un validissimo supporto per tante altre situazioni di emergenza (che, sulla base dell’esperienza sinora maturata,  possono spaziare dal supporto al Corpo Forestale dello Stato per gli incendi boschivi, a quello in favore delle Capitanerie di Porto per gli interventi in mare, ovvero ancora a quello in favore del sistema sanitario regionale specie per il trasporto degli organi per i trapianti e per gli interventi sanitari di assoluta urgenza).

 On. David Favìa, coordinatore Idv Marche
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento