Daspo e vigili fino alle 22, la Lega incalza il sindaco: «Basta parole»

Il consigliere del Carroccio attacca la maggioranza sul fronte della sicurezza: «Certi temi sono rimasti una bella riga sul programma elettorale, intanto il centro è vuoto»

il consigliere comunale della Lega, Stefano Caricchio

Il Daspo urbano e una maggiore presenza dei vigili sul territorio, almeno fino alle 22. Lo chiede da Lega che attraverso il consigliere comunale Stefano Caricchio attacca la maggioranza accusata di non dare concretezza alle promesse elettorali. «Non c'è traccia dell'istituzione del vigile ambientale e di quartiere e tanto meno di presidi fissi della polizia locale, ciò che purtroppo è lampante è la difficoltà a percepire le reali necessità dei cittadini e, di conseguenza, nel gestire in maniera adeguata la sicurezza pubblica - critica Caricchio - Nonostante Falconara vanti (cosa non frequente) un organico "a norma di legge" non è ancora riuscito ad implementare un servizio molto più diffuso negli altri Comuni, ovvero la presenza sul territorio degli agenti fino alle ore 22. In effetti la direzione prevalente verso cui vengono dirette maggiormente le energie della PL sembra essere quella delle sanzioni al codice della strada (come dimostra l'aquisto del targa system) a discapito della sicurezza cittadina».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Importante - aggiunge l'esponente leghista - non dimenticare che esalazioni e odori molesti fanno anch'esse parte della sicurezza urbana. Gli operatori di polizia specializzati ed equipaggiati per i temi ambientali restano solo una bella riga del programma elettorale. Come Lega continuiamo a registrare da parte dei cittadini lamentele, segnalazioni e appelli. La crescente percezione di insicurezza è ormai sotto gli occhi di tutti, come dimostrato dal centro cittadino tristemente vuoto durante le festività natalizie. L'applicazione del "Daspo Urbano" o il maggior controllo e presenza sul territorio sono promesse che sentiamo da tempo e che abbiamo anche sentito dalla precedente amministrazione. Vogliamo che le "divise" siano sul territorio e per il territorio, in ogni quartiere (Villanova, Castelferretti, Palombina ) senza più proclami. E' arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento