CTP, Fratelli d'Italia denuncia: «Pronti alle dimissioni, le opposizioni stiano con noi»

Esordisce così detto Angelo Eliantonio, Consigliere comunale di Fratelli d'Italia, che denuncia il fallimento dei CTP, auspicando un cambio di passo e minacciando le dimissioni

Fratelli d'Italia durante la conferenza stampa

«Dovevano essere uno strumento democratico per avvicinare i cittadini alla cosa pubblica e al bene della città di Ancona, invece i CTP si stanno rivelando la fiera della vanità dell'assessore Foresi». Esordisce così detto Angelo Eliantonio, Consigliere comunale di Fratelli d'Italia, che denuncia il fallimento dei CTP, auspicando un cambio di passo e minacciando le dimissioni. «Oltre a non funzionare dal punto di vista istituzionale, sembrano essere stati costruiti e pensati per essere utilizzati ad uso e consumo dell'Amministrazione Mancinelli. Per questo, dal nostro punto di vista, se non ci sarà un cambio di passo immediato, i nostri consiglieri sono pronti a dare le dimissioni; inoltre invitiamo gli eletti delle liste di opposizione a fare altrettanto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Angelica Lupacchini, consigliere CTP3 «nonostante la parola partecipazione sia presente nella maggior parte degli articoli del regolamento, in realtà, di fatto, è la proprio la partecipazione e il coinvolgimento degli eletti ad essere assente. Il ruolo dei CTP viene meno nel momento in cui, di fronte alle richieste precise e puntuali dei Consiglieri, la risposta dell'amministrazione comunale esclude proprio dai processi decisionali tutto ciò che non è nei loro progetti. «Ciò che portiamo all'attenzione non va mai al di là del regolamento e delle nostre competenze – ha affermato Francesco Novelli, Consigliere CTP3 – nello specifico ai sensi dell'art.8  abbiamo chiesto chiarimenti rispetto all'inchiesta Ghost Jobs, ed in particolare in relazione alla gestione delle gare di appalto del progetto di riqualificazione degli Archi con il bando delle periferie». «Noi eletti nei CTP siamo veri e proprio volontari e, appunto per questo, dovremmo essere presi in considerazione maggiore per l'impegno e la disponibilità che diamo alla cosa pubblica. Il CTP5 è il più grande per area e per numero di residenti – ha detto Orlanda Latini, VicePresidente CTP5 - ad oggi abbiamo svolto 8 sedute di Consiglio di cui 2 assemblee pubbliche, una a Ponterosso e una al Pinocchio, e abbiamo promosso incontri informativi su temi sociali di particolare rilevanza. La partecipazione c'è stata, molti hanno esposto problemi ed è doveroso dare delle risposte immediate, così come sarebbe stato doveroso da parte del sindaco Mancinelli conoscere tutti i Consiglieri eletti nei vari CTP».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento