menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Lollobrigida

Francesco Lollobrigida

Francesco Lollobrigida ad Ancona: «Progettare ripartenze post-Covid»

Questo è quanto annunciato questa mattina dal Capogruppo Fdi alla Camera dei Deputati, Francesco Lollobrigida, in conferenza stampa ad Ancona

«La pandemia non è più un’emergenza, ormai è una crisi sanitaria ed economica. Non possiamo sapere quando finirà la crisi sanitaria, ma non possiamo immaginare che si sacrifichi l’economia di una Nazione: comparti come quello turistico non possono ripartire senza date precise. Riteniamo le proteste dei ristoratori, gestori di palestre e partite IVA, pur condannando sempre ogni forma di violenza, legittime e le loro istanze correttissime. Sono sparite le zone gialle dove si potevano svolgere, pur con limitazioni, alcune attività. È necessario far ripartire le attività in sicurezza a cominciare da quelle all’aperto visto che, secondo alcuni studi, solo un contagio su mille avviene all'esterno? Fratelli d’Italia vuole aperture immediate e in sicurezza». Questo è quanto annunciato questa mattina dal Capogruppo Fdi alla Camera dei Deputati, Francesco Lollobrigida, in conferenza stampa ad Ancona alla presenza di Emanuele Prisco, commissario regionale Fdi, e dei vertici regionali del partito. Sul piatto la ripartenza post-Covid e la ricostruzione delle aree terremotate. «Dobbiamo spingere la campagna vaccinale, mettendo anche le associazioni di categoria in condizione di poter collaborare, permettendo di ripartire il prima possibile – sostiene Emanuele Prisco, Commissario regionale di Fratelli d’Italia nelle Marche – Non è possibile vedere mezzi pubblici delle grandi città sovraccarichi di cittadini mentre bar e ristoranti, magari con spazi all’aperto, rimangono chiusi. Andremo a chiedere al Ministro Gelmini che il Governo cambi rotta rispetto all’atteggiamento e ai provvedimenti del Governo Conte».

«Ringrazio Giorgia Meloni, Francesco Lollobrigida e tutta Fratelli d’Italia per citare costantemente il ‘modello Marche’. Le Marche sono una delle prime regioni italiane per partite IVA, l’impegno delle attività economiche familiari piccole o medio-piccole sono fondamentali per il nostro benessere. Il mondo delle partite IVA ha sofferto tantissimo con la pandemia: alcune attività sono rimaste aperte malgrado fossero in perdita, altri hanno chiuso e altri ancora hanno sospeso l’attività. Questo non può accadere ancora, pena il tracollo sociale ed economico e una fortissima depressione dei nostri cittadini. Non dobbiamo abbassare la guardia dal punto di vista sanitario, ma dobbiamo iniziare a progettare il futuro ipotizzando anche una convivenza col virus» ha affermato Carlo Ciccioli, Capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento