Crepe a scuola, partiti i lavori ma l’assessore sbotta: «Allarmismo dei genitori»

Partiti i lavori per rimediare alle crepe segnalate dai genitori. In consiglio comunale l'assessore ai Lavori Pubblici ha parlato di allarmismo, riferendosi alle modalità di segnalazione

Una delle crepe sul muro della scuola

Crepe sulle pareti e soffitti delle scuole Dante Alighieri a pochi giorni dall’inizio delle lezioni. La scorsa settimana il caso era stato segnalato da alcuni genitori una prima vota ai carabinieri e, dopo il sopralluogo dei tecnici comunali, una seconda volta ai vigili del fuoco. Un bagno era stato temporaneamente interdetto. Le condizioni della struttura sono state rese pubbliche in consiglio comunale dall’assessore ai Lavori Pubblici Paolo Manarini su richiesta dei consiglieri Andrea Vecchietti (M5S) e Simone Pelosi (Pd): «Le segnalazioni sono arrivate al comune in modo anomalo, tramite carabinieri e con capannelli di genitori anche dopo il sopralluogo -ha premesso Manarini- è sembrata più una situazione di allarmismo rispetto a quello che la situazione effettivamente è. Allarmismo che non fa bene alla buona gestione delle scuole e alla tranquillità di studenti, professori e maestranze. Ritengo che la segnalazione debba essere proposta in maniera seria e rispettando le soluzioni e gli accertamenti sulla struttura». Manarini ha spiegato che gli interventi sono partiti questa mattina e che erano già stati programmati sei mesi fa: «Gli appalti per la manutenzione dell’edilizia scolastica erano stati predisposti a marzo, ma lo “sblocca cantieri” nel passaggio da decreto a conversione in legge non ha invece sbloccato nulla- ha detto Manarini- anzi, abbiamo dovuto rifare le gare, siamo andati lunghi e siamo arrivati a settembre per l’affidamento dei lavori».

A seguito del sopralluogo: «Non sono risultati problemi strutturali ed è stato confermato anche dai vigili del fuoco e già stamattina i lavori programmati sono iniziati alle Dante Alighieri, presto inizieranno alle “Grillo Parlante” (segnalate finestre rotte e grondaie bucate, ndr). La programmazione viene fatta –ha proseguito Manarini –tanto è che abbiamo l’elenco degli interventi da fare con le ditte già pronte per tutti i lavori». L’assessore ha ricordato che l’obbligo delle verifiche di vulnerabilità sismica è stato prorogato al 31 dicembre: «Per quella data avremo tutte le verifiche pronte». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento