Politica

Focolaio all'Hotel House, parla il sindaco: «Per ora non ci sono criticità»

Lo spiega alla Dire il sindaco di Porto Recanati, Roberto Mozzicafreddo, dopo un ulteriore sopralluogo che si e' tenuto martedì all'Hotel House

Hotel House

PORTO RECANATI - «Non abbassiamo la guardia ma ad oggi non riscontriamo situazioni critiche». Lo spiega alla Dire il sindaco di Porto Recanati, Roberto Mozzicafreddo, dopo un ulteriore sopralluogo che si e' tenuto ieri (martedì) all'Hotel House: nell'edificio risiedono 1.309 persone perlopiu' straniere e sono stati riscontrati cinque casi di persone positive al Coronavirus.

«E' stato fatto un sopralluogo- spiega Mozzicafreddo-. Da giovedì completate le procedure dell'Asur e della Protezione civile, si inizieranno a fare tamponi a tutti i 1.309 residenti. Al momento risultano cinque casi positivi, quattro in isolamento domiciliare e uno in ospedale, su 59 tamponi effettuati. Ribadisco: verranno fatti tamponi a tappeto». Nel frattempo i residenti del condominio, al centro di tante polemiche in questi anni, sono liberi di uscire. «Fino a che non abbiamo fatto i tamponi e dunque non ne conosciamo l'esito le persone che risiedono nel condominio sono ovviamente libere di uscire- continua Mozzicafreddo-. Come in tutti gli altri condomini d'Italia. D'altronde molti dei residenti lavorano. Ma devo dire che, anche grazie al lavoro dei mediatori culturali, sono tutti molto collaborativi. Sono i residenti stessi a contattarci in alcuni casi per chiederci quando faremo loro il tampone. I cittadini? Qualche telefonata in Comune c'e' ma ad oggi non c'e' una situazione critica quindi dico loro di stare sereni e attendere i risultati. Ora siamo noi a cercare gli asintomatici».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Focolaio all'Hotel House, parla il sindaco: «Per ora non ci sono criticità»

AnconaToday è in caricamento