Corruzione in Comune, Zaffiri (Lega): «Il sindaco deve dimettersi»

Il consigliere regionale della Lega Sandro Zaffiri interviene sul caso di corruzione al Comune di Ancona e, senza mezzi, termini, chiede le dimissioni del sindaco

"La “testuggine” rappresenta il miglior esempio di tecnica di difesa organizzata dalle truppe romane in occasione degli attacchi nemici. Quando, però, anche soltanto un tassello di quella formidabile cupola saltava, allora, inevitabilmente, a rimetterci era l’intero raggruppamento. Questo sostanzialmente per dire come il tentativo della sindaca Mancinelli di voler fare “squadra” a tutti i costi, certa della integrità dei suoi assessori, può essere encomiabile da un certo punto di vista, ma rischia di far crollare il Palazzo". Così il consigliere regionale della Lega Sandro Zaffiri interviene sul caso di corruzione al Comune di Ancona e, senza mezzi, termini, chiede le dimissioni del sindaco. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Certo, sarebbe stato meglio che gli assessori raggiunti dagli avvisi di garanzia avessero subito fatto un passo indietro, ma visto che questo scenario non si è configurato, ci attendiamo una iniziativa di buon senso della prima cittadina e un atto di rispetto nei confronti della Magistratura e degli anconetani. Ad oggi, per la verità, assistiamo, a fronte delle solite dichiarazioni di “completa fiducia nella Magistratura”, a iniziative di dubbia opportunità quali il provvedimento punitivo nei confronti del maggiore dei Vigili, Marco Caglioti (la cui motivazione suona ancor peggio del provvedimento stesso!) e la frettolosa revisione del regolamento per la tutela dei dipendenti (ma soprattutto, degli amministratori!) che, leggasi bene, comporterà il fatto che i cittadini anconetani dovranno sobbarcarsi le spese legali per la difesa dei quattro assessori. Iniziative che francamente paiono entrambe ben lungi dall’essere estranee dalle vicende in corso, né tantomeno di chi rispetta le opportune distanze dall’inchiesta. L’unico modo credibile di farlo sarebbe rassegnare le dimissioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento