Alle imprese serve liquidità: «La Regione rimuova i vincoli per l’accesso a fondi garanzia»

L'appello della Lega Regionale per favorire l'accesso delle imprese alla liquidità

Foto di repertorio

«Mentre l’Europa sta vergognosamente tergiversando e ha rinviato di due settimane qualunque decisione a sostegno dell’Italia, mentre il Governo nazionale “balbetta”, qui nelle Marche si intravede una situazione drammatica per le imprese. Insieme alla crisi sanitaria già si prospetta una crisi economica senza precedenti a causa della chiusura di molte attività e, purtroppo, anche a causa della burocrazia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intervengono con una nota il Senatore Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche, e i consiglieri regionali Sandro Zaffiri, Mirco Carloni, Luigi Zura Puntaroni e Marzia Malaigia. «Chiediamo alla Giunta regionale di mettere in campo urgentemente misure straordinarie rimodulando tutti i piani FERS, FSE e PSR in funzione anti-crisi, rinegoziandoli con il Governo e con la UE, per dare una vera spinta all’economia regionale. Le imprese – continuano gli esponenti della Lega - stanno affrontando il blocco o la riduzione drastica dei ricavi e vi è quindi la necessità immediata, non tra tre mesi, di liquidità. Tra le storture del sistema marchigiano - che la Lega ha segnalato già nel 2015 con un’interrogazione in consiglio regionale - c’è il vincolo dei 150mila euro per accedere al Fondo di Garanzia. In un momento così drammatico, le banche con Mediocredito centrale potrebbero in tempi rapidi e senza costi dare prestiti veloci alle nostre imprese, è assurdo che rimanga un limite sotto il quale è obbligatorio passare per i confidi colpendo proprio le piccole imprese».
«I tempi medi per una pratica confidi sono 3 mesi oltre alle valutazioni della Banca-ricorda la Lega-Chiediamo quindi a Ceriscioli e alla sua Giunta di rimuovere urgentemente il vincolo presente affinché le operazioni di credito ordinario a favore delle piccole e medie imprese, nel rispetto delle disposizioni del decreto Cura Italia, DL n.18 del del 17 marzo 2020, siano anch’esse esentate dalla limitazione dell’intervento di garanzia diretta del Fondo nella Regione Marche, con decorrenza immediata». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Va a votare, viene presa a calci e pugni da uno sconosciuto: choc al seggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento