Difficoltà di reperimento del Plaquenil, la Pergolesi incalza la Regione

La consigliera regionale presenta una mozione per impegnare il presidente Ceriscioli ad attivarsi al fine di reperire tempestivamente il farmaco

Romina Pergolesi

«Mettere in atto ogni tempestiva iniziativa necessaria a reperire le quantità del farmaco Plaquenil 200mg compresse (idrossiclorochina) al fine di evadere tutte le richieste di terapie di cura dei pazienti con patologie reumatoidi». E ancora, «attivare gli uffici competenti al fine di infomare pazienti, medici e farmacie sulle possibili modalità di approvigionamento e reperimento del medesimo farmaco (idrossiclorochina) su tutto il territorio regionale». Sono le richieste formulate dalla consigliera regionale Romina Pergolesi al presidente Luca Ceriscioli. Istanze inserite in un'apposita mozione da mettere al voto in Assemblea Legislativa delle Marche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In una recente intervista di Antonella Moretto, presidente dell'AFI odv, Associazione Fibromialgia Italia – spiega Romina Pergolesi -, si è appreso della difficoltà di malati 'no-Covid19' affetti da altre tipologie reumatiche autoimmuni, ecc. nel reperire il farmaco Plaquenil200 mg compresse (idrossiclorochina), attualmente uilizzato anche per l'emergenza Coronavirus nelle strutture sanitarie quale cura. Difficoltà di reperimento confermate anche da farmacie e medici di medicina generale, che ne evidenziano la irreperibilità. Il Plaquenil 200mg compresse (idrossiclorochina) è di vitale importanza poiché utilizzato da pazienti affetti da patologie gravi e invalidanti, come artrite reumatoide e LES (lupus eritematoso sistemico)».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento