Contagio da Covid considerato un infortunio sul lavoro, Marcozzi (FI): «Inaccettabile»

Così Jessica Marcozzi, Capogruppo regionale di Fratelli d'Italia

ANCONA - «Il combinato fra il decreto legge Cura Italia e la circolare Inail, infatti, ha dell’incredibile. Se un lavoratore dipendente viene contagiato dal Coronavirus, la responsabilità civile e penale ricade sull’azienda per cui lavora. Il contagio viene trattato come un infortunio sul lavoro. Qui rischiamo che molte aziende non riapriranno più i battenti. Un’azienda che deve rispondere civilmente e penalmente di un contagio, ovunque avvenga, e senza tener conto delle tutele adottate dall’azienda stessa, è inaccettabile». Così Jessica Marcozzi, Capogruppo regionale di Fratelli d'Italia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che senso ha a questo punto chiedere unilateralmente alle aziende le più ampie, e giuste, precauzioni con un protocollo aziendale per la regolamentazione delle misure di contenimento del contagio negli ambienti di lavoro? Così si rischia di far saltare definitivamente l’intero tessuto imprenditoriale e aziendale italiano e marchigiano oltretutto in un periodo in cui invece il Governo dovrebbe, più che mai, essere al fianco di chi trova il coraggio di riaprire i battenti, tra mille difficoltà economiche e burocratiche. L’incidenza che il virus ha avuto purtroppo sulla categoria dei lavoratori della Sanità, con una giustissima solidarietà assicurativa ed economica espressa dall’Inail a chi lavora in quest’ambito, non può però essere generalizzata ed estesa a chiunque abbia una busta paga a prescindere dal tipo di mansione e dal luogo del contagio. Così si contamina un principio giusto e lo si fa diventare un’ingiustizia generalizzata, equiparando il contagio da Covid19 a un infortunio sul lavoro. La Regione faccia sentire la propria voce con il Governo per sanare questa situazione che altri non è che un’ulteriore tegola sulla testa dei nostri imprenditori che invece hanno bisogno di investimenti e di accesso al reddito con i lavoratori che hanno il diritto di avere garantita l’occupazione. Al riguardo presenterò una mozione per chiedere all’Amministrazione regionale di attivarsi immediatamente con il Governo per sanare questa incresciosa situazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Addio all'architetto D'Alessio, ex assessore: era presidente del Parco del Conero

  • Covid-19, nelle Marche impennata di ricoveri e pazienti in terapia intensiva

  • Droga in casa, bimbo ingerisce cocaina e va in ospedale: genitori e nonni in arresto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento