Lunedì, 2 Agosto 2021
Politica

L'appello dei giovani consiglieri: «Non è tempo di aperitivo e calcetto, il futuro dipende da noi»

Un appello trasversale da parte dei consiglieri comunali under 35 di Ancona. Il messaggio, sottoscritto al di là dei colori politici, è rivolto ai più giovani

Foto di repertorio

Un appello trasversale rivolto specialmente ai giovani da parte dei consiglieri comunali under-35 di Ancona. La nota è sottoscritta da Francesco Rubini (Altra Idea di Città), Angelo Eliantonio (Fratelli d’Italia), Michele Fanesi (Partito Democratico), Federica Fiordelmondo (Partito Democratico) e Marco Ausili (Lega – Movimento Nazionale Sovranità).

L'appello

«Di fronte alla gravissima emergenza causata dall’epidemia di Coronavirus è compito di ogni cittadino adottare ogni comportamento necessario per evitare una propagazione fulminea del virus che avrebbe conseguenze deflagranti per l’intero sistema sanitario nazionale. Sappiamo bene quanto violenta possa essere la malattia nei confronti delle fasce più deboli della popolazione, in particolare anziani e immunodepressi, ed i dati relativi alla necessità della terapia intensiva e quelli sulla mortalità ce lo dimostrano tragicamente. Sappiamo altrettanto bene che, senza drastiche misure di contenimento, un contagio di massa su scala nazionale non permetterebbe alla nostra sanità di curare in modo adeguato la popolazione con conseguenze gravissime in termini di vite umane, non solo rispetto ai contagiati dal virus, ma in generale per tutti gli utenti del SSN».

«Data la situazione non possiamo fare altro che assumerci tutti le nostre responsabilità a partire dalla riduzione immediata dei nostri contatti sociali, dall’interrompere ogni attività di gruppo, dall’uscire di casa il meno possibile - proseguono i consiglieri- non è più il tempo dell’aperitivo, della serata in discoteca, del calcetto, della palestra o del cinema in compagnia. Noi giovani, seppur meno a rischio di altri rispetto alle conseguenze dell’infezione da coronavirus, ma certamente non immuni, rischiamo di diventare il più grande incubatore della malattia. Abbiamo, dunque, una pesantissima responsabilità morale sulle spalle: preservare la salute pubblica difendendo le categorie più svantaggiate. Ai nostri coetanei chiediamo quindi responsabilità e contegno; gesti concreti quotidiani per evitare di diffondere il virus ai più deboli. Solo così questo brutto incubo potrà finire il prima possibile permettendo a tutti di tornare a svolgere una vita normale. Il senso civico non è un gioco; continuare ad ignorare le disposizioni e frequentare i luoghi di ritrovo come se nulla fosse è come guidare ubriachi, non si è un pericolo solo per sé, ma soprattutto per gli altri. Il futuro dipende da noi».

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'appello dei giovani consiglieri: «Non è tempo di aperitivo e calcetto, il futuro dipende da noi»

AnconaToday è in caricamento