Politica

Italia-Serbia, "A pranzo con Letta": centri sociali, comitati e partiti organizzano controvertice

"Non possiamo lasciarci sfuggire l'occasione di manifestare l'enorme disagio sociale in cui versa il nostro Paese a causa delle politiche d'austerity imposte dall'Europa"

In occasione del vertice Italia-Serbia, che si terrà ad Ancona il 15 ottobre prossimo e vedrà la partecipazione del premier Enrico Letta, varie sigle, formazioni politiche e associazioni hanno annunciato che daranno vita nel capoluogo ad un “controvertice”.

Tra gli altri hanno già aderito Centri sociali delle Marche, Ambasciata dei Diritti Marche, Ya Basta! Marche, Laboratorio sociale, Progetto Ancona Bene Comune, Comitato Acqua Bene Comune provincia d’Ancona, SEL, PdCI, Gruppo Anarchico Malatesta, FAI, USI-AIT, La Cupa Spazio Autogestito, Unione inquilini Marche, Associazione consumatori utenti Marche, Associazione AFAA, ISF Ingegneri senza frontiere Ancona, Sindacato Unione Inquilini, Ass. Consumatori Utenti, CUB Marche, Libera contro le mafie - Presidio di Jesi, Comitato Regionale Marche, Comitato Provinciale di Ancona CSP Partito Comunista, Associazione Senegalese Diappo, Associazione A20 - Ancona.

“Non possiamo lasciarci sfuggire l'occasione di manifestare l'enorme disagio sociale in cui versa il nostro Paese a causa delle politiche d'austerity imposte dall'Europa” si legge nel comunicato diffuso, "Vogliamo conquistarci lo spazio per costruire una nostra alternativa alle decisioni che pochi s’arrogano il diritto di prendere dentro quei luoghi che anziché essere preposti all’esercizio della democrazia, diventano zone rosse dove si affermano i diktat delle politiche economiche responsabili della crisi.
Gli stessi fini dell’incontro bilaterale risultano essere oscuri, tanto che non ci è dato sapere quali accordi verranno effettivamente presi, se non che verranno favorite le lobby di sfruttamento economico a discapito delle soluzioni che possano permettere l’attraversamento delle frontiere per chi fugge da povertà e guerre. A maggior ragione dopo l’ennesima tragedia di Lampedusa di cui chi ci governa è uno dei principali mandanti, ribadiamo con forza la necessità di abolire la legge Bossi-Fini e gli accordi Frontex per un sostanziale ripensamento delle politiche di accoglienza."

"Martedì 15 ottobre ore 12.30 concentramento al parcheggio degli Archi - conclude la nota - Manifestazione ore 13.00… e facciamoci invitare a pranzo!"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia-Serbia, "A pranzo con Letta": centri sociali, comitati e partiti organizzano controvertice

AnconaToday è in caricamento