Politica

Controllo del cinghiale, presentata la proposta di piano quinquennale

Si tratta di una proposta di Piano quinquennale per la gestione del cinghiale che parte da una ricognizione dei dati degli ultimi cinque anni sulla base di quelli forniti dai diversi Ambiti provinciali di Caccia

E' stata presentata ieri mattina in Regione alle associazioni di categoria una Proposta di Piano regionale di controllo del cinghiale. Presenti, oltre all’assessore alla Caccia, Moreno Pieroni CIA, Copagri, Coldiretti, Confagricoltura Italcaccia, Federcaccia, UNEPET e i rappresentanti degli Ambiti di caccia delle cinque province.

Si tratta di una proposta di Piano quinquennale per la gestione del cinghiale che parte da una ricognizione dei dati degli ultimi cinque anni sulla base di quelli forniti dai diversi Ambiti provinciali di Caccia e che la Regione Marche si appresta ad approvare per la prima volta su base regionale come strumento di pianificazione. Esigenza fondamentale ora, al fine di contenere il problema ed agire efficacemente in modo omogeneo su tutto il territorio per la riduzione dei danni provocati dai cinghiali alle produzioni agro-forestali, è l’accelerazione dei tempi dell’iter ammnistrativo.  Un iter condiviso diffusamente con tutti i soggetti interessati che ora dovranno far pervenire le osservazioni al Piano. Gli obiettivi prioritari sono il contenimento dei danni causati dal cinghiale alle produzioni agro-forestali; la gestione omogenea dell’attività di controllo su tutto il territorio regionale, ad esclusione delle aree protette di cui alla L. 394/91; la verifica dei risultati ottenuti attraverso il monitoraggio costante degli interventi programmati. Il Piano prevede non solo le attività di abbattimento dei cinghiali ma anche le misure di prevenzione del danno utilizzando vari strumenti di cattura e di dissuasione all’accesso nei fondi agricoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controllo del cinghiale, presentata la proposta di piano quinquennale

AnconaToday è in caricamento