Contributi a fondo perduto ai gestori delle piscine pubbliche, in arrivo circa 400mila euro

«L'aiuto- spiega in una nota il governatore, Luca Ceriscioli- garantisce un sostegno economico per la mancata attività durante l'emergenza epidemiologica e per agevolare la ripresa delle attività sportive»

Foto di repertorio

ANCONA - Dalla Regione Marche 392mila euro di contributi a fondo perduto ai gestori di piscine a uso pubblico e agli enti di promozione sportiva. Le domande vanno presentate entro il 2 settembre.

«L'aiuto- spiega in una nota il governatore, Luca Ceriscioli- garantisce un sostegno economico per la mancata attività durante l'emergenza epidemiologica e per agevolare la ripresa delle attività sportive nel rispetto delle disposizioni anti Covid-19. Sono risorse che assegniamo per sostenere l'attività del mondo sportivo dilettantistico marchigiano che svolge un ruolo importante a favore della crescita dei giovani e a servizio della coesione sociale della comunità regionale». Il settore sportivo ha visto assegnati 4 milioni di euro di contributi regionali post Covid. I due nuovi bandi sono destinati a due comparti dell'organizzazione sportiva regionale che non potevano accedere a questi contributi. Il primo, con una dotazione di 357mila euro, è riservato ai gestori di piscine, di almeno 25 metri, a uso pubblico, di proprieta' di enti pubblici, di privati e di organizzazioni sportive affiliate al Coni. Il secondo invece ripartisce 35mila euro agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni, con sede legale e operativa nelle Marche».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento