Consorzio di Bonifica, il M5S Marche: «Già pronti l'esposto in Procura»

Il Movimento 5 Stelle Marche ribadisce la netta contrarietà alla proposta di legge, approvata oggi in consiglio regionale, riguardante il riordino degli interventi in materia di bonifica e di irrigazione

«Fuori si manifesta, dentro al palazzo si va avanti ignorando i cittadini». Il Movimento 5 Stelle Marche ribadisce la netta contrarietà alla proposta di legge, approvata oggi in consiglio regionale, riguardante il riordino degli interventi in materia di bonifica e di irrigazione, avversata da comitati e associazioni di categoria. Prima della votazione in Assemblea Legislativa, una delegazione dei manifestanti è stata ascoltata dai capigruppo di maggioranza e opposizione. In quell'occasione, il M5S ha chiesto il rinvio della pratica, istanza ribadita in aula dal capogruppo Gianni Maggi per una ulteriore riflessione in materia, «nel rispetto delle perplessità evidenziate dai cittadini stessi». Ma le forze di governo hanno tirato dritto. 

«Crediamo che il Consorzio di Bonifica agisca ai confini delle norme, la giunta Ceriscioli è responsabile di ciò – tuona Peppe Giorgini, consigliere regionale pentastellato -. La legge che hanno presentato potrebbe presentare elementi di incostituzionalità, a mio parere. Pertanto chiederemo di impugnarla. A tale proposito, invieremo una nota al Governo, e precisamente al Dipartimento per gli Affari Regionali. E stiamo presentando un secondo esposto alla Procura. Siamo nettamente contrari pertanto a dare nuovi poteri al Consorzio stesso». Il consigliere regionale del Movimento, Piergiorgio Fabbri specifica che «questa legge individua le competenze del consorzio ampliandole a dismisura, senza ancora aver fatto chiarezza sulla liceità dell'emissione della richiesta di contribuzione, che dovrebbe riguardare lavori di bonifica e miglioramento fondiario, difficilmente riconoscibili nei piccoli interventi fatti in questi anni sul territorio».

Oggetto del contendere è principalmente il tributo che viene richiesto ai proprietari di terreni per i benefici che deriverebbero dall'attività del Consorzio di Bonifica, che gli agricoltori e i proprietari terrieri, mobilitati oggi sotto palazzo Raffaello, considerano illegittimo. «I comitati – sottolinea la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Romina Pergolesi – stanno ancora attendendo gli atti che dimostrano come sono state spese le risorse. Ci attiveremo immediatamente con il Consorzio di Bonifica e la Regione affinché tale documentazione venga messa a disposizione dei cittadini».
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento