Metodo Montessori, approvata mozione PD per istituire un Polo regionale

Il Consiglio regionale delle Marche ha approvato all'unanimità la mozione del capogruppo e del consigliere regionale del Partito Democratico, Gianluca Busilacchi

Gianluca Busilacchi

Un voto unanime per dire sì alla valorizzazione del pensiero e dell'opera di Maria Montessori, attraverso la creazione di un Polo regionale per coordinare tutte le iniziative volte a dare risalto alla figura e agli insegnamenti della celebre pedagogista marchigiana. Il Consiglio regionale delle Marche ieri, 18 ottobre, con 22 voti favorevoli, ha approvato all'unanimità la mozione del capogruppo e del consigliere regionale del Partito Democratico, Gianluca Busilacchi ed Enzo Giancarli, che impegna la Giunta della Regione Marche, oltre ad istituire formalmente il Polo di coordinamento, già previsto dalla legge regionale 34 del 2012 dedicata proprio a Maria Montessori, anche a garantire il finanziamento annuale della stessa legge.

«Dal 2012 – spiega il capogruppo Busilacchi – la legge regionale su Maria Montessori ha ottenuto due annualità di contributi per valorizzare quello che è un grande patrimonio marchigiano, famoso in tutto il mondo. Oggi nelle Marche ci sono molteplici attività, sia nel settore scolastico e pedagogico, ma anche turistico e culturale, che vanno coordinate tra loro, anche tramite l'eccellente lavoro che sta svolgendo la Fondazione Chiaravalle Montessori. Ora con questa mozione impegniamo la Giunta a continuare a finanziare i vari interventi e a rendere questo lavoro sempre più coordinato ed efficiente, formalizzando una cabina di regia tra i vari uffici, per garantire la massima operatività e valorizzazione degli interventi».

«L'opera di Maria Montessori – aggiunge il consigliere Giancarli – non può essere letta che come una grande avventura umana e scientifica, che fonda sull'educazione la concreta speranza di una cultura di integrazione e di pace. Dai suoi insegnamenti troviamo sicuramente strade feconde da ripercorrere: l'investimento nell'infanzia, nell'educazione, l'ottimismo pedagogico, la fiducia nel cambiamento, il rigore scientifico, la curiosità intellettuale, lo spessore etico di una grande passione laica. La modernità della pedagogia montessoriana non è un manualetto da applicare senza pensarci, ma richiede un braccio attivo. Quanto abbiamo chiesto con questa mozione si inserisce, quindi, in un più ampio percorso teorico, culturale, operativo e credo che le Marche non possano non dare una risposta forte su Maria Montessori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento