Domani si discute il bilancio, ma il gruppo Sel-Abc diserterà l'aula

Crispiani e Rubini non ci saranno al consiglio comunale di domani e parlano di "consiglieri comunali bistrattati dall'amministrazione Mancinelli"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Ancora una volta siamo costretti a denunciare la gestione autoritaria del potere da parte di questa giunta. Questa volta lo strappo democratico è avvenuto sul bilancio con un'organizzazione dei lavori preparatori e una convocazione del consiglio (domani 7 dicembre) per la discussione totalmente irrispettosa del lavoro del consiglio comunale. Ci hanno consegnato il materiale (bilancio e tutti gli allegati) il 15 novembre. Successivamente è stata convocata la commissione bilancio per l'illustrazione il 16,17,18 due sedute,23,25,28,29 novembre. In mezzo un consiglio comunale ordinario il 30 novembre con scadenza per eventuali emendamenti ai documenti di bilancio il primo dicembre. Il tutto nel bel mezzo della campagna sul referendum costituzionale che, vista l'importanza del tema, ha visto tutti noi molto impegnati. Alle nostre, e di altri, richieste di spostare almeno di una settimana il consiglio comunale per permettere quanto meno uno studio approfondito delle carte (nessuno di noi fa il consigliere comunale di lavoro) ed una maggiore condivisione del bilancio anche con altre soggetti esterni al Consiglio Comunale ci è stato risposto che non era possibile. È evidente che a questa amministrazione del consiglio comunale, delle prerogative dei suoi componenti e di una discussione vera sul bilancio non interessa nulla. Il nostro gruppo dunque non parteciperà a questa ennesima passerella del nulla. La democrazia è un'altra cosa; la vittoria del NO al referendum costituzionale è lì a confermarlo con forza.

Francesco Rubini e Stefano Crispiani, consiglieri comunali SEL - Ancona Bene Comune

Torna su
AnconaToday è in caricamento