Portonovo, Consiglio aperto: Ex Mutilatini, nuovi parcheggi e fruizione spiaggia

Operatori e associazioni in aula per esporre i problemi urgenti della baia. La maggioranza vota a favore di nuovi parcheggi, ripascimento come soluzione all'erosione della costa e messa in sicurezza di una stradina secondaria

Migliorare Portonovo dal punto di vista turistico e dei servizi. Era questo l'obiettivo del consiglio comunale di ieri, interamente incentrato sui problemi della baia. Operatori e rappresentanti di associazioni come Legambiente, Italia Nostra, Slow Food hanno esposto le questioni più urgenti da affrontare.
Sono emersi temi come sicurezza, protezione della costa, arretramento degli stabilimenti, viabilità e trasporto urbano, valorizzazione del patrimonio paesaggistico e storico culturale come la Chiesetta.
Si è trattato di un primo confronto: per la prima volta, un consiglio comunale viene dedicato a Portonovo, per la prima volta si comincia a discutere della programmazione da fare per la prossima stagione agli inizi di settembre. Generalmente, infatti, gli interventi da attuare venivano decisi a marzo o ad aprile.

«Vogliamo partecipare attivamente per migliorare Portonovo. La nostra intenzione è istituire un tavolo di lavoro permanente sui problemi da affrontare» afferma Aldo Roscioni a nome di tutti gli operatori della baia.

Nel corso degli interventi che si sono susseguiti, in tanti hanno parlato della necessità di far arretrare gli stabilimenti balneari per recuperare spiaggia piuttosto che ricorrere al solito metodo del ripascimento. Oltre a Lanfranco Giacchetti, presidente Ente Parco del Conero, anche Vitaliano D'Addato di Legambiente Marche ha espresso la sua contrarietà. «I ripascimenti sono inutili, sono solo soldi sprecati. Si potrebbero invece far arretrare gli stabilimenti».
«Il problema principale è la sicurezza della costa. Piuttosto che il ripascimento, si possono far arretrare i ristoranti e metterli su palafitte» commenta Andrea Fantini, Comitato Portonovo Per Tutti.

LE VOTAZIONI. Il consiglio comunale si è concluso con l'approvazione del documento da parte della maggioranza (PD, VERDI, UDC, SC e AN2020) che prevede ancora una volta il possibile ripascimento come soluzione all'erosione della costa. Ci sono poi - fra gli obiettivi dichiarati - la realizzazione di nuovi parcheggi (a monte, per evitare l'accesso delle auto alla baia, con più navette di collegamento), la sistemazione della piazzetta, un nuovo campeggio e la messa in sicurezza, quindi riapertura, di una vecchia stradina (un tempo utilizzata come carrettiera) da percorrere in caso di emergenza. Bocciati invece gli emendamenti presentati dall'opposizione.
Nonostante la battaglia del Comitato Portonovo per Tutti che ha raccolto circa 1000 firme contro la vendita dei Mutilatini e presentato un progetto di riqualificazione ad uso sociale e ricreativo, la maggioranza ha deciso di mantenere l'ex colonia nel piano delle alienazioni ma il bando sarà bloccato fino alla fine dell'anno.
I gruppi consiliari SEL - Ancona Bene Comune e Movimento 5 Stelle assicurano che «continueranno a dare battaglia su temi così tanto importanti per Portonovo e per tutti gli anconetani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

  • Esce dal reparto di ortopedia e finisce direttamente al Pronto Soccorso

  • Le Marche dicono no al 5G, approvata la mozione dei Verdi: «Rischi per l'uomo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento