Politica

Lotta alla casta: i consiglieri potranno rinunciare al vitalizio

L'emendamento porta la firma di Giacomo Bugaro (Pdl) ed è passato all'unanimità: ora i politici regionali hanno 30 giorni per decidere se rinunciare o meno

Giacomo Bugaro

Negli intenti c’è l’unanimità, vedremo nei fatti. L'assemblea legislativa della Regione Marche ha approvato un emendamento all'assestamento di bilancio, presentato dal vice presidente Giacomo Bugaro (Pdl), in base al quale ''è data la facoltà ai consiglieri di rinunciare all'istituto del vitalizio''.

L'emendamento è passato con 36 voti a favore, nessun voto contrario e nessuna astensione.
Il provvedimento entra in vigore a partire dalla legislatura in corso: entro 30 giorni i consiglieri regionali possono decidere se rinunciare o meno al vitalizio.

L’iniziativa si inserisce nel solco di quella campagna contro i costi della politica in cui il governo regionale è impegnato (nel ragionamento) da diverso tempo.

Lo scorso 14 ottobre, infatti, i decisori pubblici si erano incontrati a Loreto, su iniziativa del presidente dell’assemblea Vittoriano Solazzi , per elaborare un testo-base che facesse convergere maggioranza e opposizione sulle misure “anti-casta” da adottare: revisione del vitalizio e delle indennità, eliminazione della reversibilità, adesione da subito al contributo di solidarietà.

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Caricamento in corso ...

Sondaggio

Ridurre i costi della politica locale: voi come fareste?


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla casta: i consiglieri potranno rinunciare al vitalizio

AnconaToday è in caricamento