Mercoledì, 23 Giugno 2021
Il consigliere comunale di Ancona Stefano Benvenuti Gostoli
Politica

Bilancio, Benvenuti Gostoli: “Gramillano ha mentito, si scusi”

Il consigliere comunale Pdl Stefano Benvenuti Gostoli chiede ufficialmente le scuse (al Consiglio e alla città) da parte del sindaco Gramillano, per “aver reso deliberatamente inveritiere dichiarazioni” sul bilancio

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Il consigliere comunale Pdl Stefano Benvenuti Gostoli chiede ufficialmente le scuse (al Consiglio e alla città) da parte del sindaco Gramillano, per “aver reso deliberatamente inveritiere dichiarazioni” sul bilancio. Ecco il comunicato:

"Il Consiglio Comunale di Ancona

PRESO ATTO
- che, a mezzo stampa, il Sindaco Gramillano il 2 giugno 2012 ha dichiarato pubblicamente la propria intenzione, futura e peraltro incerta, di voler costituire un fondo patrimoniale a tutela dei propri beni personali e della sua famiglia;
- che lo stesso Sindaco, contrariamente a quanto sopra affermato, nella realtà dei fatti aveva già costituito un proprio fondo patrimoniale familare giusto pochi mesi prima, esattamente in data 13 dicembre 2011, come risulta dagli atti pubblicati nel registro dello Stato Civile del Comune di Ancona;

CONSIDERATO
- che detta costituzione di fondo patrimoniale familiare è avvenuta solo pochi giorni dopo l'audizione del medesimo Sindaco Gramillano, insieme al Collegio dei Revisori del Comune di Ancona, presso la Corte dei Conti; Autorità questa che lo avrebbe informato dei rilevanti rischi, anche patrimoniali personali, che potrebbero derivare dall'approvazione di un bilancio preventivo non adeguato alla critica situazione finanziaria del Comune di Ancona;
- che il Sindaco Gramillano, con numerose dichiarazioni pubbliche "tranquillizzanti" ed esortando ad aver fiducia nella Sua persona, ha tentato ripetutamente di rassicurare i componenti del Consiglio comunale e della Giunta sulla totale assenza di rischi patrimoniali connessi all'approvazione della proposta di bilancio preventivo, e ciò nonostante l'allarmante Relazione della Corte dei Conti ed il parere negativo espresso dal Collegio dei Revisori;

RITENUTO
- che, in ordine alla costituzione del proprio fondo patrimoniale familare, è evidente come il Sindaco Gramillano abbia mentito pubblicamente, tentando così di nascondere una condotta personale (ma che allo stato assume un rilevante interesse pubblico) in palese e stridente contraddizione con le proprie dichiarazioni "rassicuranti", finalizzate queste ad escludere potenziali rischi personali dei Consiglieri connessi all'approvazione della proposta di bilancio preventivo;
- che la condotta del Sindaco sia gravemente censurabile, affatto consona alla dignità del ruolo istituzionale che ricopre, oltre che fortemente lesiva del rapporto fiduciario con il Consiglio Comunale;

tutto ciò premesso e considerato, facente parte integrante della presente mozione,

INVITA ED IMPEGNA IL SINDACO FIORELLO GRAMILLANO
a porgere pubblicamente immediate e formali scuse al Consiglio comunale ed alla Cittadinanza tutta per aver reso deliberatamente inveritiere dichiarazioni, suscettibili queste di condizionare in modo falsato e tuttavia rilevante l'operato politico dei Consiglieri sulla votazione di un atto fondamentale."
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio, Benvenuti Gostoli: “Gramillano ha mentito, si scusi”

AnconaToday è in caricamento