menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La "pistrice", il sibolo vincitore del concorso

La "pistrice", il sibolo vincitore del concorso

Logo per i 2400 anni, il Comune difende la pistrice: “Simbolo efficace”

In merito alla discussione che si è creata intorno al logo scelto per i 2400 anni dalla fondazione della città il Comune ha diffuso un comunicato stampa per difendere il simbolo scelto

In merito alla discussione che si è creata intorno al logo scelto per i 2400 anni dalla fondazione della città il Comune ha diffuso un comunicato stampa in cui “l’Amministrazione tiene a precisare innanzitutto che l’immagine è stata selezionata attraverso un concorso di idee in cui erano richiesti criteri molto specifici e professionali per la realizzazione del progetto, ma non per la partecipazione: per sua stessa natura il concorso di idee doveva essere aperto e capace di stimolare partecipazione e coinvolgimento, seppur professionale, non delimitato all’appartenenza geografica. Delimitazione che sarebbe stata stonata ancor di più nelle celebrazioni della fondazione della città da parte di migranti siracusani. Per quanto riguarda la natura della creatura raffigurata, in tutte le definizioni il/la pistrice viene definito come animale mitologico marino simile a un cetaceo con denti e coda di serpente.”

Anche il direttore generale avvocato Caterina Grechi, presidente della commissione per la scelta del logo, è intervenuta per difendere la scelta:  “Anche la decorazione dell'anfiteatro di Ancona è analoga ad altre immagini simboliche che più che un delfino rappresentano appunto questa  creatura simile a un cetaceo con i denti e una particolare coda.

Ma il punto non è l’individuazione esatta del tipo di cetaceo raffigurato: la scelta di un logo risponde a esigenze comunicative, più che da studiosi. E anche il marchio di questi 2400 anni è stato selezionato sulla base di criteri simbolici, più che storici. La commissione ha trovato nel progetto scelto potenzialità espressiva e promozionale, sintesi simbolica di alcuni elementi chiave come il rapporto con il mare e con la storia dell’età classica della città, un pay off (Ancona/ancora 2400 volte) che rivolge al futuro la tradizione millenaria del capoluogo.

Tutto l’insieme – che sia pistrice o un delfino con i denti la figura presente nel marchio, conclude il direttore generale  – è stato giudicato d’impatto ed efficace per promuovere queste celebrazioni che devono coinvolgere tutti i cittadini, dagli storici agli studenti, dagli immigrati diventati anconetani al mondo dell’associazionismo”.


“Per quanto riguarda l’Anfiteatro – conclude sempre il Comune – è stato scelto come uno dei luoghi simbolo di queste celebrazioni: sarà la location privilegiata di alcuni eventi oltre che la meta delle prossime visite guidate in programma”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento