Commissione sulla stazione marittima, Vichi: «Scelta a garanzia dei lavori»

La scelta di convocare solo gli addetti ai lavori è a garanzia il buon funzionamento dei lavori della commissione consiliare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

In merito alla convocazione della seconda commissione consiliare del prossimo 28 settembre occorre precisare alcune cose. La richiesta di convocazione è stata prodotta dalle opposizioni ed accolta secondo i termini regolamentari, pertanto da una lettura attenta dell'articolo 11 del regolamento del consiglio comunale si può evincere facilmente che nessuna norma o articolo sono stati violati. Come ho avuto modo di spiegare ai colleghi dell'opposizione che me lo hanno chiesto, la scelta di invitare in commissione soltanto i soggetti che rappresentano le istituzioni coinvolte direttamente, si basa esclusivamente a garantire il buon funzionamento dei lavori della commissione consiliare, che proprio per richiesta delle opposizioni sarà congiunta con la commissione bilancio e vedrà impegnati ben 14 consiglieri, i capigruppo, gli assessori competenti per materia,

I funzionari e dirigenti del Comune di Ancona e i rappresentanti delle istituzioni coinvolte nel processo. Di qui la scelta di coinvolgere ai lavori della commissione soltanto i soggetti che avranno un ruolo attivo nella vicenda. Nell' eventualità che i gruppi di opposizione volessero organizzare un convegno sull'argomento invitando gli ospiti già segnalati annuncio la mia disponibilità a parteciparvi. Pertanto, pur apprezzando lo spirito costruttivo con il quale il consigliere Rubini si è approcciato alla vicenda, mi permetto di segnalare le inesattezze citate nel suo comunicato invitandolo ad una lettura approfondita del regolamento.

Torna su
AnconaToday è in caricamento