Lunedì, 17 Maggio 2021
Politica

Rilancio del commercio, Fratelli d'Italia: «Per un cambio di passo c'è ancora molto da fare»

A parlare, con un comunicato congiunto, il capogruppo Angelo Eliantonio, il consigliere regionale e comunale Marco Ausili e la consigliera comunale Maria Grazia De Angelis

Da sinistra: Maria Grazia De Angelis, Angelo Eliantonio e Marco Ausili

«Abbiamo chiesto questo Consiglio Comunale monotematico per rilanciare il commercio anconetano più di un anno fa, ben prima del Covid, perché questa città ha dei problemi endemici che abbiamo provato ad affrontare presentando un grande progetto complessivo e una visione in netta discontinuità con il passato». A parlare, con un comunicato congiunto, il capogruppo Angelo Eliantonio, il consigliere regionale e comunale Marco Ausili e la consigliera comunale Maria Grazia De Angelis.

«Grazie a Fratelli d’Italia ad Ancona sarà possibile favorire, con politiche di sensibilizzazione mirate quartiere per quartiere, un'economia cittadina circolare che preveda acquisti dentro la città da parte di cittadini anconetani grazie a campagne comunicative costanti e continuative nel tempo per gli acquisti nelle imprese del territorio attraverso spot televisivi e promozione su testate giornalistiche locali. Abbiamo finalmente impegnato l’amministrazione Mancinelli a studiare per il Centro città un grande piano di investimenti per un progetto a medio lungo termine con obiettivi per pubblicizzare la città all’esterno al fine di incrementare presenze, garantendo eventi, decoro e pulizia costante promuovendo insieme alle associazioni di categoria e ai commercianti allestimenti a tema delle attività del Centro città per rendere l’area più accogliente e attrattiva. Approvata poi la nostra proposta per rimodulare la tassazione di competenza comunale nei confronti dei locali affittati e dei locali sfitti, al fine di premiare quei proprietari di negozi sfitti che scelgono di procedere alla locazione dei propri locali così come l’importante necessità di organizzare bandi per concedere contributi diretti alle aziende al fine di realizzare obiettivi specifici su zone determinate e limitate che presentano maggiori criticità, come ad esempio investimenti, sostegno al pagamento dell’affitto, sostegno all’apertura di attività in zone specifiche della città. Inspiegabilmente bocciate le nostre proposte complementari sul fronte eventi, parcheggi e turismo; no della maggioranza ad un tavolo volto a valorizzare, individuare nuovi utilizzi e gestire adeguatamente i grandi immobili vuoti del Centro, no ad accordi con i proprietari dei locali sfitti sulle piastre commerciali affinché in tali locali si possano organizzare temporaneamente vendite associate tra negozi già presenti in modo da ridurre quanto più possibile il numero delle serrande abbassate come funzione importante di presidio di sicurezza, respinta la proposta di realizzazione un numero adeguato di nuovi parcheggi in Centro così come la sospensione dello studio di nuove ZTL nel Centro Storico e la sosta su strisce blu gratis tra le 12:00 e le 15:00 nei giorni feriali per dare respiro anche alle tante attività di ristorazione. Bocciata anche la possibilità di programmare un calendario di eventi di livello, dal forte richiamo, continuativi nel corso dei mesi e distribuiti equamente tra i quartieri della città ed infine no all’attivazione del tavolo permanente per la stesura di un piano pluriennale di rilancio del turismo. Per questo motivo riteniamo che per dare una svolta, per un radicale cambio di passo serva molto di più. Noi siamo al fianco dei commercianti anconetani, con azioni concrete, anche e soprattutto in questo periodo difficile».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rilancio del commercio, Fratelli d'Italia: «Per un cambio di passo c'è ancora molto da fare»

AnconaToday è in caricamento