Politica

Falconara, Cittadini in Comune: “Nessuno tocchi l’auto medica”

Cittadini in Comune lancia l’appello affinché tutto il Consiglio Comunale di Falconara Marittima convochi e si metta alla testa di una prima mobilitazione cittadina

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Auto medica: è il momento di portare in piazza la forza della Petizione popolare. Cittadini in Comune propone una manifestazione cittadina con alla testa tutto il Consiglio Comunale!

La ragione per cui riteniamo che l’auto medica debba rimanere a Falconara Marittima è tutta nei numeri:

-     la specifica epidemiologia della zona che presenta una alta quantità di ricoveri per cause cardiovascolari e respiratorie determinati dalla situazione ambientale (dati ARPAM 2007);

-      i 1.564 decisivi interventi dell’auto medica nel 2010 di cui 939 a Falconara (una media di 4 al giorno di cui oltre 2 a Falconara).

Piuttosto che calcoli ragionieristici, la Regione Marche dovrebbe verificare quanti cittadini colpiti da crisi cardiovascolari o respiratorie sono stati stabilizzati e salvati dall’intervento dell’auto medica in quella preziosa manciata di minuti (meno di 8!).
Per Cittadini in Comune sono quelli i numeri che contano poichè il diritto alla salute è un diritto assoluto, libero da compatibilità economiche di qualsiasi tipo.

Compatibilità economiche che andrebbero perseguite a monte facendo in modo che i cittadini si ammalino di meno: parliamo di azioni di prevenzione primaria a tutela della salute, cioè programmazione e azioni per ridurre le molteplici cause di produzione e diffusione degli agenti patogeni (PM10, ecc)!
Ma da questo punto di vista la Regione Marche si sta dimostrando inefficace e pertanto risulta ancor più inaccettabile che pretenda di intervenire con un taglio all’efficacia dell’emergenza e dell’urgenza che serve ad evitare il peggio!

Dunque la resistenza dei falconaresi all’attuazione del disegno regionale è a difesa della salute e della sicurezza. Altro che campanilismo!
Ma è una resistenza che proprio per i numeri acquisiti (11.800 firmatari della petizione popolare) è necessario trasformare in resistenza attiva poiché i cittadini che hanno firmato con convinzione sono pronti ad un altro passo.

Pertanto Cittadini in Comune lancia l’appello affinché tutto il Consiglio Comunale di Falconara Marittima convochi e si metta alla testa di una prima mobilitazione cittadina, una manifestazione pacifica che attraversi le vie della città per mostrare la fermezza nel rivendicare il mantenimento dell’auto medica a Falconara.

Staff Lista Civile Cittadini in Comune
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falconara, Cittadini in Comune: “Nessuno tocchi l’auto medica”

AnconaToday è in caricamento