Venerdì, 18 Giugno 2021
Nella foto: una centralina di rilevazione delle PM10
Politica

Falconara, Cittadini in Comune: “Lotta alle PM10? No, a pizzerie e forni”

La Lista Civica: “Per la Giunta Brandoni la guerra alle Polveri sottili (PM10) continua ad avere tre terribili nemici: i caminetti, le attività di panificazione ed i forni a legna di pizzerie, ristoranti”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

"Per la Giunta Brandoni la “guerra” alle Polveri sottili (PM10) continua ad avere tre terribili nemici: i caminetti, le attività di panificazione ed i forni a legna di pizzerie, ristoranti.
Con l’Ordinanza 66 del 20 aprile scorso il Sindaco di Falconara ha modificato in peggio quella precedente (che se la prendeva sempre con caminetti e pizzerie) perché pur avendo spostato al 14 settembre 2012 l’obbligo di eseguire materialmente l’installazione di filtri sui forni oppure l’alimentazione a gas, metano o elettrica, l’Ordinanza ha imposto altri costi immediati agli esercizi commerciali come la realizzazione della “presa fiscale a monte di tali sistemi ed una a valle per eventuali controlli”.

Non sarebbe meno vessatorio che gli Enti di controllo certificassero ufficialmente i sistemi di abbattimento validi che ristoratori e panificatori possono installare?
Se quei sistemi di abbattimento delle Polveri sottili fossero verificati prima da chi possiede gli strumenti per farlo non ci sarebbe bisogno delle prese fiscali che dovrebbero pagarsi ristoratori e panettieri!

Ma non basta: l’Ordinanza del Sindaco Brandoni prospetta anche la beffa ed altri costi differiti per ristoranti e pizzerie poichè “Anche a seguito delle risultanze del censimento delle suddette attività potranno successivamente essere prescritte maggiori prestazioni depurative per l’anno 2013”!
Vale a dire che i sistemi di filtraggio che nel frattempo le pizzerie avranno installato potrebbero anche non bastare …
Ma insomma, quante volte dovranno spendere i titolari di pizzerie, ristoranti e panifici?

Ritorniamo alla constatazione precedente: perché gli Enti di controllo non individuano e testano i migliori sistemi una volta per tutte cosicché ristoranti e pizzerie possano intervenire e spendere una sola volta?

Ma se il Sindaco Brandoni e i suoi Assessori sfornano simili provvedimenti evidentemente non sono allarmati dal fatto che nel 2011 hanno chiuso 12 ristoranti a Falconara (dati dell’Osservatorio del commercio e del turismo della CNA di Ancona  del 18/4/2012).

La Lista Civile Cittadini in Comune denuncia che la cosiddetta guerra alle PM10 del Comune di Falconara si sta rivelando una farsa a danno di chi incide molto poco sui livelli di inquinamento mentre le realtà industriali che pesano realmente sulle quantità di PM10 sono state interessate da provvedimenti soltanto di facciata!
Basta verificare gli alti livelli delle PM10 alle 2-3-4-5 di notte di gennaio/febbraio e marzo, quando i caminetti erano spenti e le pizzerie e i ristoranti chiusi, quando il traffico automobilistico è pressoché nullo … Quali sono stati gli impianti attivi in quelle ore della notte?"

Lista Civica Cittadini in Comune

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falconara, Cittadini in Comune: “Lotta alle PM10? No, a pizzerie e forni”

AnconaToday è in caricamento