Un circo senza animali, arriva la mozione proposta dal consigliere Sandro Bisonni (Verdi)

La mozione chiede che venga individuato un adeguato percorso affinché questo stesso superamento avvenga nell’arco di due anni e si attivi la ricollocazione degli animali presso strutture a cui sia garantito il necessario sostegno

Circo (foto di repertorio)

Un circo senza animali. Lo prevede la mozione proposta dal consigliere regionale dei Verdi, Sandro Bisonni (primo firmatario) e sottoscritta anche da Romina Pergolesi del gruppo M5S. Nell’atto il Presidente e la Giunta vengono impegnati a provvedere affinché si vada ad una rapida approvazione dei decreti attuativi della legge 175 del 2017, con particolare riferimento alle attività circensi e agli spettacoli viaggianti, laddove si prevede di attivare il graduale superamento dell’utilizzo di animali. La mozione chiede che venga individuato un adeguato percorso affinché questo stesso superamento avvenga nell’arco di due anni e si attivi la ricollocazione degli animali presso strutture a cui sia garantito il necessario sostegno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La vita degli animali nel circo – spiega Bisonni - è incompatibile con le loro caratteristiche etologiche; viceversa è apprezzato sempre maggiormente quel circo che valorizzi unicamente l’espressione delle abilità umane, senza la presenza di animali. Dopo aver ricordato che il Governo non ha ancora adottato i decreti attuativi della legge 175, nonostante la prevista scadenza del 27 dicembre 2018, Bisonni fa riferimento ad un’indagine realizzata nel 2017 dal Censis, per conto della Lav (Lega Anti Visisezione), dove emerge chiaramente che i circhi con utilizzo di animali stanno affrontando una crisi profonda con progressiva perdita di pubblico. Questo anche in considerazione di una mutata coscienza e di una maggiore sensibilità da parte dei cittadini. Da considerare che sul territorio nazionale si stanno moltiplicando le amministrazioni comunali che vietano, per quanto di loro competenza, le attività circensi che prevedono l’utilizzo degli animali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

  • Accoltellato in strada mentre cammina, i carabinieri danno la caccia a 2 uomini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento