Chiusura punti nascite, Pergolesi (M5S): «La Regione garantisca sicurezza nascituri»

E' questo il tema oggetto di una mozione già presentata ad ottobre dalla consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Romina Pergolesi

«I punti nascita delle Marche vanno potenziati, è necessario istituire a breve almeno un nuovo reparto di Terapia Intensiva Neonatale ed è possibile ripristinare i punti nascite di Osimo e San Severino con il parere del “Comitato Percorso Nascita Nazionale». E' questo il tema oggetto di una mozione già presentata ad ottobre dalla consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Romina Pergolesi, sinora mai discussa, la quale torna sul tema con una nuova interrogazione al presidente regionale Luca Ceriscioli.

«Ad un anno dalla chiusura dei punti nascita di Osimo e San Severino sono emerse dalla stampa criticità pesanti nei punti nascita marchigiani, di cui alcune legate ad episodi gravi, non risulta che la riorganizzazione attuata abbia portato ad un miglioramento del servizio – rileva Pergolesi – per questo chiediamo al presidente regionale ed assessore alla Sanità Luca Ceriscioli i dati dei parti per singole strutture, il numero di cesarei e parti naturali, dati sulle mortalità e complicazioni pre e post parto, per poter avere un quadro chiaro della situazione attuale. L'obiettivo è quello di avere disponibili dati che permettano di analizzare la situazione, per poter attuare nel  breve periodo le gli opportuni correttivi. Vorremmo anche sapere se c'è stato un aggravio di spesa sanitaria per la Regione, nel caso in cui le partorienti abbiano ricorso ai servizi di altre regioni, visto l'inevitabile sovraffollamento dei punti nascita esistenti, causati dalla chiusura di Osimo e San Severino, vorremmo sapere cosa sta facendo la Regione per garantire la sicurezza per i neonascituri e le loro mamme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento