I centri sociali contro Casa Pound, occupato Palazzo Camerata

Azione dimostrativa da parte di una quarantina di militanti contro «la concessione di spazi pubblici ai fascisti, soprattutto dopo i fatti di Macerata»

In quaranta a occupare simbolicamente la stanza di Palazzo Camerata concessa da Comune a Casa Pound e a esporre due striscioni contro il partito di ultradestra. Le polemiche attorno alla manifestazione elettorale di Casa Pound continuano e si arricchiscono di un nuovo episodio. Attorno alle 14 di oggi, mercoledì 7 febbraio, un gruppo di attivisti dei centri sociali, Asilo Politico in testa, sono entrati pacificamente all'interno di Palazzo Camerata per esporre striscioni contro "tutti i fascismi" e per invitare quante più persone alla manifestazione che si terrà sabato a Macerata contro quello che viene definito "terrorismo fascista". Un'ora di permanenza e poi via. «Abbiamo voluto dire no agli spazi pubblici concessi ai fascisti – ha spiegato ad AnconaToday Riccardo Rotini – perché non è possibile che dopo quanto successo a Macerata arrivi ad Ancona un gruppo che predica razzismo, odio e intolleranza e gli sia concessa una sala pubblica. Come non è possibile concedere loro un'intera giornata per fare andare in corteo». 

Il riferimento è alla manifestazione che Cpi ha indetto per sabato 10 febbraio, da piazza Diaz, in occasione del Giorno del Ricordo. «Le Istituzioni e la prefettura – ha aggiunto Rotini – si dovranno prendere la loro responsabilità. Casa Pound alle elezioni? È evidente che c'è un problema. Dopo Macerata tutti devono riflettere perché ci sono partiti che sono arrivati a rivendire questo attentato. C'è un legame tra quanto avvenuto a Macerata e gruppi come Casa Pound o Forza Nuova. Qui non si parla di politica ma di umanità perché ci sono sei persone ferite da un uomo solo per il colore della loro pelle. Questi gruppi devono essere sciolti perché non si possono più tollerare a nessun livello». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento